Psr Umbria, il bando per la ricerca e lo sviluppo nelle aziende

A disposizione ottocentomila euro per sviluppare processi, prodotti e servizi mirati ad aumentare la produttività o la sostenibilità delle aziende. Scadenza il 2 agosto 2021, all'interno il link al bando

giovani-giovane-agricoltore-tecnologie-agricoltura-digitale-tablet-innovazione-by-zoran-zeremski-adobe-stock-750x500.jpeg

Ricerca e sviluppo, in Umbria aperto il bando per finanziare nuovi progetti aziendali (Foto di archivio)
Fonte foto: © Zoran Zeremski - Adobe Stock

L'Umbria ha aperto il bando per finanziare i progetti pilota, la ricerca per nuovi metodi di produzione e per lo sviluppo di nuovi prodotti aziendali.

Il bando è attivato sulla sottomisura 16.2 del Psr, con a disposizione ottocentomila euro per finanziare al 100% un progetto di ricerca o di innovazione con un contributo fino a 150mila euro a progetto.

Al bando possono partecipare aziende agricole e non ed enti di ricerca riuniti in una Associazione temporanea di scopo (Ats), ma è necessario che partecipi almeno una azienda agricola o forestale, con codice Ateco 2007 e che una delle aziende agricole o forestali faccia da capofila.

I progetti devono essere mirati al miglioramento della produttività o al miglioramento della sostenibilità.

I progetti che si occupano di migliorare la produttività possono essere incentrati sullo sviluppo di nuovi processi e nuovi prodotti o sullo sviluppo di nuovi servizi e di nuove forme di organizzazione.

I progetti che si occupano di aumentare la sostenibilità possono riguardare la riduzione degli input e dei carichi inquinanti delle produzioni o possono proporre nuovi strumenti di controllo e certificazione ambientale.

Sono favoriti, in quanto otterranno più punti nella valutazione, i progetti che propongano innovazioni immediatamente trasferibili sul marcato e coperti da strumenti di tutela della proprietà intellettuale o industriale.

Sono favoriti anche i partenariati che abbiano almeno tre tipologie di aziende (agrarie, forestali e altre) e che coinvolgano piccoli operatori del settore agricolo.

Il finanziamento copre al 100% le spese per la costituzione dell'Ats, i costi del personale per lo sviluppo del progetto e dei prototipi, i costi per l'istituzione di borse di studio, le spese di viaggio e di trasferta.

Sono finanziabili anche le spese tecniche per la preparazione della domanda fatta da tecnici accreditati, ma nel limite del 5%.

Le domande devono essere presentate tramite il portale Sian entro il 2 agosto 2021.

Per maggiori informazioni si rimanda alla pagina ufficiale e al testo completo del bando.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 262.564 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner