Sardegna, gli indennizzi per la siccità 2017 sono in ritardo

A denunciarlo è Coldiretti Sardegna. Sarebbero state risarcite poco più di 20 aziende in tutta l'isola, a fronte di stanziamenti per 45 milioni di euro

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

terreno-secco-arido-suolo-terra-cambiamenti-climatici-by-sunny-forest-fotolia-750x500.jpeg

Siccità, Coldiretti Sardegna reclama un'immediata attivazione delle procedure liquidatorie
Fonte foto: © Sunny Forest - Fotolia

In Sardegna pastori e agricoltori soffrono ancora per la siccità del 2017, che produsse danni ingentissimi. A distanza di due anni dalla pesante siccità, e dopo un’altra annata disastrosa - il 2018 - per le troppe precipitazioni, secondo quanto riferisce una nota di Coldiretti Sardegna “sono state liquidate appena una ventina di aziende agricole a fronte di stanziamenti complessivi per 45 milioni di euro.

Argea, l’agenzia per i pagamenti della Regione Sardegna, a seguito del Decreto ministeriale Mipaaf del 13 febbraio 2018 di dichiarazione del carattere di eccezionalità degli eventi calamitosi verificatisi in Sardegna per siccità, l’8 marzo 2018 aveva aperto i termini di presentazione per le domande di compensazione dei danni a colture, posto che si agiva in deroga alla normativa sul Sistema assicurativo nazionale, concessa dal Decreto legge per il Mezzogiorno. Termine perentorio per la presentazione il 9 aprile successivo. Ma l’11 dicembre  2018 venivano riaperti i termini per le domande integrative per tutte le avversità 2017, siccità inclusa. E ad oggi pochi passi in avanti sarebbero stati fatti nella corresponsione degli indennizzi.

“I 45 milioni di euro stanziati da Stato e Regione per tamponare le perdite dovute alla siccità di due anni fa giacciono ancora nei conti correnti sbagliati e non leniscono le ingenti perdite e spese degli imprenditori subite a causa della siccità" sottolinea Coldiretti Sardegna.

“Una situazione imbarazzante anche da commentare oltre che ridicola che certifica ancora una volta la distanza delle istituzioni dal mondo agricolo – commenta il presidente di Coldiretti Sardegna, Battista Cualbu -. Sulla carta dovrebbero essere degli aiuti, ma a questo punto stanno creando più danni del non averli messi a bilancio”.

“Le aziende agricole sono in ginocchio perché sono le prime a subire le conseguenze di questi cambiamenti climatici che ci stanno facendo passare da un estremo all’altro – evidenzia il presidente di Coldiretti Cagliari, Giorgio Demurtas -. Mente aspettiamo i risarcimenti dalla siccità abbiamo subito danni anche dalle troppe e violente precipitazioni e stiamo adesso nuovamente subendo una nuova siccità”.

“E’ necessario accelerare i procedimenti di liquidazione – aggiunge il direttore di Coldiretti Sardegna, Luca Saba –, il mondo produttivo ha ritmi diversi e non può aspettare i tempi della burocrazia e neppure quelli politici della costituzione della nuova Giunta".

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Coldiretti Sardegna

Autore:

Tag: organizzazioni agricole burocrazia siccità danni

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 191.641 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner