Psr Basilicata, Feasr: azzerata la soglia di disimpegno

Spese risorse per oltre 117 milioni di euro dei quali oltre 82 milioni di quota Feasr. Il raggiungimento dell'obiettivo di spesa è stato comunicato ieri a Potenza dall'assessore Braia, sulla base dei dati resi da Agea all'Autorità di gestione del Feasr Basilicata

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

banconote-soldi-euro-by-wolfilser-fotolia-750.jpeg

L'obiettivo è stato raggiunto nei giorni scorsi con il Decreto di pagamento Agea n. 209
Fonte foto: © Wolfilser - Fotolia

La Basilicata riesce a raggiungere l'obiettivo di spesa del Fondo europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale sul Programma di sviluppo rurale 2014-2020 – pari ad oltre 82 milioni e 324mila euro -, fissato per il 31 dicembre 2018 e centrandolo in anticipo di quasi due mesi "Con un avanzamento pari al 101,1% delle risorse europee trasferite alle aziende rispetto all'impegno di spesa 2015 – ha riferito ieri, 14 novembre 2018, l'assessore alle Politiche agricole della Regione Basilicata, Luca Braia, in una nota stampa ufficiale.
 
“La Basilicata ha superato il rischio disimpegno automatico delle risorse, cosiddetto N+3, con ampio anticipo rispetto alla data del 31 dicembre 2018 - ha aggiunto Braia -. Il target finanziario previsto dall'Europa è stato superato, nei giorni scorsi, con il Decreto di pagamento Agea n. 209".
 
"Il Psr della Regione Basilicata conferma il suo percorso virtuoso - prosegue l'assessore Luca Braia - che, nonostante le difficoltà della stessa Agea e dalle criticità emerse e in via di soluzione nel sistema regionale, vede ad oggi superato il primo importante step del rischio di disimpegno N+3, come scritto nella comunicazione ricevuta ufficialmente dagli uffici dell'Autorità di gestione del Feasr Basilicata”.
 
L'avanzamento della spesa pubblica complessiva del Psr Basilicata 2014-2020, è pari oggi al 17,5%, corrispondente a 117,2 milioni di euro, rispetto alla dotazione finanziaria complessiva di quasi 671,4 milioni di euro, dei quali 406 milioni rappresentano la quota Feasr. Il risultato è stato raggiungo con quasi 24mila domande di aiuto finanziate a valere complessivamente sulla programmazione 2014-2020.

“Nello specifico - conclude l'assessore Braia - ad oggi sono stati pagati oltre 11 milioni di euro ai giovani imprenditori al loro primo insediamento in agricoltura, oltre 32 milioni di euro alle imprese che hanno scelto di intraprendere o confermare la produzione biologica, 25 milioni di euro per gli interventi di carattere agroambientale, oltre 20 milioni di euro per le infrastrutture pubbliche a sostegno del contesto agricolo, 8,7 milioni di euro per la forestazione produttiva, oltre 14 milioni di euro per gli investimenti aziendali ed inoltre 4,1 milioni di euro per le attività che si stanno realizzando nell'ambito del programma Leader, a valere sulle programmazioni 2007-2013 e 2014-2020".

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: AgroNotizie

Autore:

Tag: biologico azienda agricola giovani psr ambiente sviluppo rurale politica agricola

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 191.622 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner