Agrimont: la vetrina dell’agricoltura montana giunge alla 35° edizione

Appuntamento a Longarone Fiere Dolomiti (Bl) dal 21 al 23 marzo e nel weekend successivo, dal 28 al 30

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

agrimont-2013.jpg

Un momento della scorsa edizione di Agrimont

Si apre venerdì 21 marzo la 35° edizione di Agrimont, la fiera dell’agricoltura di montagna, che proseguirà nel quartiere di Longarone Fiere Dolomiti fino a domenica 23 marzo per poi riprendere nel successivo week end da venerdì  28 a domenica 30.
La rassegna si è affermata negli anni sia in termini di visitatori, che di qualità di espositori specializzati, con un’ampia rappresentazione delle principali aziende di prodotti, macchine e attrezzature per l’agricoltura e tutto ciò che riguarda il mondo rurale montano. Alto l’interesse con tutti gli spazi espositivi occupati tanto da non riuscire a soddisfare tutte le richieste di adesione pervenute. Presenti in esposizione, tra le altre, aziende legate al settore del giardinaggio e del florovivaismo, con vari prodotti e piccole attrezzature da utilizzare nella cura dell’orto e del giardino di casa. Completano la rassegna gli stand che presentano produzioni tipiche dell’agricoltura di montagna, come formaggi, miele e insaccati.

Agrimont vuole essere sempre più momento di confronto per un settore che sta registrando una rinnovata attenzione, soprattutto nelle aree di montagna – è il pensiero di Oscar De Bona, presidente di Longarone Fiere Dolomiti -. In particolare, trovano spazio ad Agrimont le attività legate alla cura e manutenzione del territorio e non mancano anche importanti aziende fornitrici del comparto zootecnico che da sempre rappresenta un settore strategico per l’agricoltura di montagna”.

Agrimont 2014 mette in evidenza anche una crescente sinergia tra Longarone e la Marca Trevigiana, riconosciuto bacino d’utenza sia di espositori che di visitatori. “Abbiamo attivato una stretta collaborazione e lo dimostra il numero di aziende espositrici trevigiane ad Agrimont – rileva a questo proposito De Bona - Su questa strada cercheremo di fare sistema per far sì che il polo fieristico di Longarone rappresenti sempre più gli interessi economici della montagna e delle aree pedemontane della regione veneta”.
Sarà dunque una grande edizione di Agrimont e grazie alla consolidata collaborazione con l’Arav, Associazione regionale allevatori del Veneto, oltre alla presenza di aziende fornitrici del comparto zootecnico, sarà riproposta l’esposizione delle principali razze di animali bovini, equini, ovicaprini, avicole e altre razze di animali meno diffusi allevati in provincia.

I visitatori, che nella scorsa edizione sono stati 23.000, anche ques'tanno potranno trovare una vasta gamma di proposte che abbracciano il comparto a 360 gradi. Un’attenzione particolare sarà dedicata alla produzione di miele, protagonista nei convegni curati dell’associazione Apimarca e da Apidolomiti, che organizza domenica 30 marzo la giornata dell’apicoltura di montagna.
Tra le attrazioni di questa edizione di Agrimont, oltre alla dimostrazione pratica di teoria e pratica dell’innesto e della potatura, organizzata nei due pomeriggi della giornata di sabato dall’Istituto “A. Della Lucia” di Feltre, spicca la celebrazione domenica 23 marzo della 2° Giornata europea del gelato artigianale con l’incontro sul tema "Il gelato artigianale strumento di valorizzazione dei prodotti agroalimentari e del territorio".



Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.792 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner