Il Pnrr secondo le associazioni dei contoterzisti italiani

Protagoniste di molta parte delle attività di raccolta e di quelle di precision farming, le realtà contoterzi pongono l'accento sull'importanza che rivestono in quanto a innovazione e sviluppo nella meccanica agricola nazionale

cr1090-new-holland-mietitrebbia-1.jpg

Pnrr, da premiare professionalità e innovazione degli agromeccanici
Fonte foto: New Holland - Cnh Italia

È Uncai, l'Unione nazionale contoterzisti agromeccanici e industriali, a proporre cinque punti per approcciare al Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), così da raggiungere gli obiettivi proposti dalla componente uno - Economia circolare e agricoltura sostenibile - della seconda missione - Rivoluzione verde e transizione ecologica - in cui rientra il mondo agricolo:
  • Approvazione della legge di istituzione dell'Albo degli agromeccanici, qualificante di attività svolte in modo professionale e con alta responsabilità sociale e ambientale.
  • Conferma della revisione periodica dei mezzi agricoli, strumento efficace per ridurre gli infortuni e dare all'agricoltura la professionalità di cui spesso è carente.
  • Miglioramento del sistema di tracciatura e verifica delle attività connesse su tutto il territorio nazionale.
  • Reintroduzione della meccanica agraria tra gli insegnamenti degli istituti di Agraria.
  • Creazione di distretti agromeccanici per non disperdere i capitali riservati dal Pnrr al rinnovamento dei mezzi agricoli. Un cattivo utilizzo rischia di creare diseconomie.

"Per arrivare a un nuovo e migliore equilibrio fra natura, sistemi alimentari, biodiversità e circolarità delle risorse, occorre una robusta leva agromeccanica" afferma l'Unione nazionale contoterzisti agromeccanici e industriali.

Sempre in tema di Pnrr, il Cai, la Confederazione agromeccanici e agricoltori italiani, vede in quest'ultimo, e in particolare nel fondo da 500 milioni di euro, un'opportunità per avviare un percorso di transizione ecologica e digitale d'innovazione nel settore della meccanizzazione agricola.

"Ma - avverte la confederazione per voce del presidente Gianni Della Bernardina - affinché questa prima fase possa centrare l'obiettivo, dobbiamo essere consapevoli che i fondi vanno impiegati al meglio, dando la precedenza a chi, come le imprese agromeccaniche professionali, ha una visione complessiva del processo di innovazione ed è al servizio del settore agricolo".

"Le risorse messe a disposizione in questa prima fase per la rivoluzione digitale in agricoltura non sono molte" commenta il vicepresidente vicario del Cai Sandro Cappellini. "Chi sarà chiamato a gestire i fondi avrà l'imperativo di individuare le imprese agromeccaniche professionali quali principali destinatarie delle risorse, così da ottimizzarne l'uso e accelerare in chiave di agricoltura 4.0".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 261.650 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner