Bellon presenta le proprie falciatrici trainate

La casa costruttrice lancia sul mercato la serie a tamburo TRT e la serie a disco TRD per un totale di otto modelli declinati nelle versioni GM e FL a seconda della tipologia di condizionatore

Contenuto promosso da Bellon
Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

bellon-falciatrice-trd8000gm-2018.jpg

Falciatrice trainata Bellon modello TRD 8000 GM
Fonte foto: Bellon Srl

Offrono adattamento al suolo, manovrabilità e stabilità. Sono le nuove falciatrici trainate concepite da Bellon - azienda veneta con sede a Cadoneghe, in provincia di Padova - disponibili in veste TRT (modelli con elementi falcianti a tamburo) e TRD (attrezzature con elementi falcianti a disco).
 

Falciatrici a tamburo: ideali su grandi terreni 

Per permettere all'agricoltore di effettuare la scelta più opportuna, le maneggevoli (e leggere) falciatrici trainate a tamburo TRT si articolano nei modelli TRT 240, TRT 280 e TRT 300 con larghezze di lavoro rispettive di 2,40 - 2,70 e 3 metri.

L'intera gamma è disponibile anche in versione GM con condizionatore a rulli in gomma in grado di ridurre i tempi di essiccazione e affienamento.
 
Scheda tecnica delle falciatrici trainate a tamburo
Clicca sull'immagine per ingrandire

Equipaggiata con quattro dischi (ognuno con quattro lame), la nuova gamma di attrezzature non richiede grandi potenze e si accontenta di macchine da 80 cavalli.
 
Modello TRT 240 GM 

I pneumatici larghi e di grandi dimensioni (misura 10/80-12), poi, garantiscono stabilità alla macchina, mantenendo in buone condizioni il tappeto erboso.
 

Falciatrici a disco: generate per uso professionale

Concepite per agricoltori e contoterzisti che effettuano grandi quantità di lavoro per lunghi periodi, le falciatrici trainate a disco TRD dispongono di bracci oscillanti in grado di adattarsi perfettamente al terreno irregolare, facilitando la falciatura.

La serie contempla i modelli TRD 6000, TRD 6003, TRD 7000, TRD 8000 e TRD 8003 con larghezze di lavoro da 2,40 a 3,20 metri e un numero di dischi da 6 a 8.
 
Dati tecnici delle TRD (anche versione GM)
Clicca sull'immagine per ingrandire

 
Le attrezzature TRD 6000, TRD 7000 e TRD 8000 sono disponibili in versione GM con condizionatore a rulli in gomma elicoidali (tipo Chevron), ideale per foraggi delicati e ricchi di foglie come erba medica e trifoglio.

Perfetta per foraggi più secchi come le graminacee è la variante FL, soluzione con condizionatore a flagelli in materiale plastico disponibile su tutti i modelli della gamma.
 
Scheda tecnica delle falciatrici a disco versione FL
Clicca sull'immagine per ingrandire

Entrambe le tipologie - a rulli o a flagelli - sono autopulenti e dotate di trasmissioni in scatola chiusa a bagno d'olio.

I modelli con numero di dischi pari (TRD 6000, TRD 6000 GM/FL, TRD 8000, TRD 8000 GM/FL) possono inoltre essere forniti con dischi a tre lame
 

Attrezzature sicure ed efficienti

L'innovazione apportata dal sistema idraulico e l'accumulatore di azoto comandato da una centralina idraulica - che insieme fungono da ammortizzatori - assicurano ottime prestazioni di taglio e un'elevata pressione al suolo: punti di forza della nuova linea di prodotti.

Il timone laterale permette di trainare le falciatrici TRT e TRD con facilità, riducendo la potenza richiesta dal trattore e il consumo di carburante. In aggiunta, tutte le manovre sono eseguite con estrema facilità e sicurezza, anche in presenza di curve molto strette.
 
Falciatrice trainata a disco TRD 6000 FL

Per agevolare la manutenzione, nelle attrezzature made in Italy sono state eliminate tutte le molle che richiedono costanti regolazioni manuali. Si può procedere alla sostituzione dell'ingranaggio del disco semplicemente togliendo il disco e il supporto, senza smontare tutto il gruppo falciante. Anche il semplice ma funzionale design riduce i tempi e costi di manutenzione.

Infine, come fa sapere Bellon, per avere prestazioni sempre eccellenti è opportuno verificare lo stato delle lame dei dischi. Qualora il gioco tra il perno e il coltello fosse superiore ai 2 millimetri, è consigliabile sostituire i perni portacoltello, il dado e la rondella.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 264.204 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner