Mercati verso il pareggio

Le immatricolazione 2009 non parrebbero da crisi: perdite contenute per quasi tutti e c'è anche chi cresce - Pdf da scaricare in collaborazione con Macchine Trattori

Donatello Sandroni di Donatello Sandroni

Questo articolo è stato pubblicato oltre 12 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, le trovi nella sezione News Partner.

mercato_trattori_250.jpg

Il mercato reale, depurato dall'ondata d'immatricolazioni dei trattori motorizzati stage 2, pare in calo di circa il dieci per cento. Dimostrazione che se le vendite han retto è perché molti agricoltori hanno ancora prediletto il prezzo accessibile all'innovazione tecnologica con risvolti ambientali. Innovazione tecnologica che spingerà probabilmente all'insù il prezzo dei trattori, col risultato che gli agricoltori stenteranno ancora di più a dire addio al vecchio trattore di ancor più vecchia concezione. Il mercato 2009 appare in negativo più che altro per i marchi New Holland, Same e Lamborghini, ma non chiudono in positivo neanche Fendt e McCormick. Galleggiano invece Goldoni e Landini, mentre pesante appare la situazione di Challenger, che ha venduto 13 trattori in meno rispetto ai 63 del 2008. Migliore invece la sorti di Antonio Carraro, di Bcs, Ferrari e Pasquali, come  pure di Valpadana. Bene anche Case Ih, che consolida la posizione in classifica. A brillare più di tutti sono comunque John Deere e Kubota, con il primo che mette a segno un tondo "più 200" macchine e Kubota che segue superando quota "più 180".

 


 

 

L'articolo completo è disponibile nel pdf allegato
(vedi on line, in alto a destra)
Tratto da Macchine Trattori - Febbraio 2010
in collaborazione con Editoriale Orsa Maggiore

 


© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Orsa Maggiore Edizioni

Autore:

Tag: macchine agricole