Brexit, il sindacato degli agricoltori britannici dice la sua

Minette Batters, presidente della National farmers organization, si rivolge al premier britannico Boris Johnson in occasione del percorso di separazione del Regno Unito dall'Unione europea

brexit-bandiere-frecce-by-alexander-sanchez-adobe-stock-750x500.jpeg

'Riteniamo che la Brexit fornisca un'opportunità vitale per il Regno Unito per aprire la strada alla creazione di un sistema commerciale globale adatto per il 21esimo secolo'
Fonte foto: © Alexander Sánchez - Adobe Stock

AgroNotizie pubblica la lettera che la Nfu (National farmers organization, il sindacato degli agricoltori britannici) insieme ad altre realtà del mondo agricolo, ambientale, della sanità pubblica e della protezione degli animali ha inviato al premier britannico Boris Johnson, in occasione della Brexit e del percorso di separazione del Regno Unito dall'Unione europea.
Di seguito il testo.

Egregio primo ministro,
Le stiamo scrivendo come ampia coalizione delle principali organizzazioni agricole, ambientali, di tutela degli animali e di sanità pubblica che condividono e supportano l'impegno dichiarato del suo governo per garantire che gli standard ambientali, di benessere degli animali e di sicurezza della produzione alimentare del Regno Unito non vengano compromessi dopo che abbiamo lasciato l'Ue e per sviluppare la nostra politica commerciale indipendente.

Siamo tutti d'accordo sul fatto che la Brexit offre l'opportunità di promuovere un modello agricolo sostenibile e privo di emissioni di anidride carbonica nel Regno Unito, basato sulla nostra reputazione di cibo di alta qualità, sicuro e conveniente. Potrebbero esserci differenze di opinione sul modo migliore per raggiungere questo risultato, ma siamo tutti d'accordo sul fatto che senza la giusta politica interna, supportata da una politica commerciale progressiva e ambiziosa, nessuno di noi realizzerà questa visione condivisa.

Ha promesso "di non pregiudicare in alcun modo o mettere a repentaglio i nostri standard di benessere degli animali o di igiene alimentare" e il segretario di Stato per il Defra
(il dipartimento per l'Ambiente, l'alimentazione e gli affari rurali, ndr) ha recentemente promesso di "difendere i nostri interessi nazionali e i nostri valori, compresi i nostri elevati standard di benessere degli animali". Insieme all'impegno manifestato dal vostro partito secondo il quale, "in tutti i nostri negoziati commerciali, non scenderemo a compromessi sulla nostra elevata protezione ambientale, sul benessere degli animali e sugli standard alimentari", siamo sempre più rassicurati sul fatto che siete impegnati quanto noi a rendere il Regno Unito un leader mondiale negli standard alimentari, agricoli e ambientali.

Tuttavia, riconosciamo anche che si tratta di una questione complessa che va oltre la posizione negoziale del governo del Regno Unito in qualsiasi potenziale accordo commerciale e che vi sarà una forte pressione sui negoziatori britannici affinché facciano importanti concessioni su tale questione. Inoltre, in quanto membro indipendente del Wto
(Organizzazione mondiale del commercio, ndr), anche il Regno Unito dovrà considerare in che modo gestire le proprie relazioni commerciali al di fuori dei termini degli accordi commerciali bilaterali. È fondamentale che non ci siano solo garanzie verbali per garantire che i nostri standard siano adeguatamente salvaguardati. Alla luce di ciò, la esortiamo ad adottare alcune azioni specifiche che riteniamo le consentiranno di garantire che il governo del Regno Unito possa raggiungere il suo impegno di salvaguardare gli standard di produzione del Regno Unito, ora e in futuro.

Il governo dovrebbe sancire il proprio impegno manifesto nella legge. Il disegno di legge sull'Agricoltura offre una buona opportunità di farlo per alcuni standard chiave. Saremo lieti di lavorare con il governo per redigere disposizioni legislative che soddisfino l'impegno del governo a salvaguardare gli standard, garantendo al contempo una flessibilità sufficiente per condurre trattative commerciali significative.

I processi formali sono fondamentali per consentire al governo e alle parti interessate di impegnarsi apertamente su questo tema. In qualità di segretario di Stato del Defra, Michael Gove si è impegnato a istituire una Commissione Commerciale e per gli standard. Un organo come questo potrebbe assumere un ruolo del genere, riunendo una vasta gamma di parti interessate per impegnarsi nella politica commerciale del Regno Unito e per comprendere in che modo questo influisce sui nostri standard.

Infine, riteniamo che la Brexit fornisca un'opportunità vitale per il Regno Unito per aprire la strada alla creazione di un sistema commerciale globale adatto per il 21esimo secolo. Mentre la liberalizzazione del commercio globale negli ultimi decenni ha avuto successo nelle economie in crescita, fornendo posti di lavoro e abbassando i prezzi per i consumatori, non è riuscita a gestire gli impatti negativi di tale crescita, oggi più evidente nelle sfide del cambiamento climatico, perdita di biodiversità e preoccupazioni per il benessere degli animali da reddito che alleviamo. Brexit significa che il Regno Unito può mostrare la leadership nel definire per primo un nuovo tipo di sistema commerciale globale; un modello che si allontana dall'attenzione miope e datata su beni considerati esclusivamente dal punto di vista economico, indipendentemente da come vengono prodotti, a un sistema che affronta le sfide del cambiamento climatico e promuove modelli più sostenibili di produzione e consumo in tutto il mondo. Nell'anno in cui il Regno Unito ospiterà il vertice Cop26 sul cambiamento climatico, siamo pronti a lavorare con voi per portare avanti questo programma con energia e visione.

Con l'emanazione del disegno di legge dell'Unione europea (accordo di recesso) e il nostro addio ufficiale dall'Ue a pochi giorni di distanza, riteniamo che queste misure debbano essere perseguite come una priorità. Riteniamo che con il giusto quadro politico e l'istituzione di una chiara comprensione della nostra visione condivisa per il futuro, la Brexit può essere un catalizzatore per l'agricoltura del Regno Unito non solo per essere l'invidia del mondo, ma per fornire un modello di standard elevato per gli alti livelli della produzione alimentare, di riconosciuta qualità e sostenibilità. Saremo lieti per l'opportunità concessa a una delegazione dei firmatari di questa lettera di incontrarla al più presto per discutere di come possiamo lavorare insieme per raggiungere gli obiettivi.

Cordiali saluti,
Minette Batters, presidente Nfu

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore: Redazione Agronotizie

Tag: unione europea

Temi caldi: Brexit

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 218.015 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner