Psr Toscana, il bando per ridurre i rischi da calamità naturali

A disposizione 5 milioni di euro per enti pubblici e aziende agricole per interventi di prevenzione verso avversità atmosferiche e parassitarie. Scadenza il 31 gennaio prossimo, all'interno il link al bando

maltempo-nuovole-campi-by-matteo-giusti-agronotizie-jpg.jpg

Calamità naturali, in Toscana il bando per la prevenzione
Fonte foto: Matteo Giusti - Agronotizie

In Toscana è ancora aperto il bando attivato sulla sottomisura 5.1 del Psr per finanziare interventi per migliorare la capacità delle aree agricole di resistere a calamità naturali, avversità atmosferiche ed altri eventi catastrofici, comprese le fitopatie ed infestazioni parassitarie.

Al bando possono partecipare come beneficiari sia enti pubblici, a cui è riconosciuto un finanziamento del 100% delle spese ammissibili, che le aziende agricole, per le quali il finanziamento previsto è dell'80%.

Il contributo massimo previsto per singolo beneficiario è di 400mila euro e il minimo di 5mila euro e può essere richiesto un anticipo fino al 50% del contributo stesso.

Per richiedere il finanziamento è necessario presentare una relazione tecnica in cui si descrive la situazione attuale, i tipi di intervento e le finalità previste, un progetto tecnico firmato da un professionista abilitato e copia dei preventivi di spesa.

Su questa documentazione verrà poi valutata l'ammissibilità o meno delle spese da finanziare.

Le domande devono essere inviate ad Artea entro il 31 gennaio 2020.
Per maggiori informazioni e dettagli si rimanda alla pagina web ufficiale e al testo completo del bando.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 232.189 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner