Bei e Banco Bpm: 100 milioni al settore agricolo

L'operazione si basa sulla sottoscrizione da parte della Banca europea per gli investimenti di una obbligazione riservata emessa da Banco Bpm

banconote-soldi-euro-by-wolfilser-fotolia-750.jpeg

Banca europea per gli investimenti, Bei, e il Banco Bpm hanno siglato un patto per il sostegno dell'economia italiana
Fonte foto: © Wolfilser - Fotolia

Su un totale di cinquecento milioni di euro di nuove risorse a disposizione di medio-piccole società italiane e aziende agricole, sono 100 i milioni riservati alle imprese agricole con una quota del 10% per i giovani agricoltori (sotto i 41 anni di età), mentre 200 milioni sono riservati alle Pmi (fino a 250 addetti) e 200 alle imprese di medie dimensioni (tra 250 e 3mila addetti). Si tratta dell'effetto di un accordo siglato tra la Banca europea per gli investimenti, Bei, e il Banco Bpm per il sostegno dell'economia italiana.

I prestiti sono destinati al finanziamento sia di nuovi investimenti sia di quelli in corso, purché non ancora ultimati. Gli interventi, relativi ad aziende attive in tutti i settori produttivi (agricoltura, artigianato, industria, commercio, turismo e servizi) potranno riguardare l'acquisto, la costruzione, l'ampliamento e la ristrutturazione di fabbricati; l'acquisto di impianti, attrezzature, automezzi o macchinari; le spese, gli oneri accessori e le immobilizzazioni immateriali collegate ai progetti, incluse le spese di ricerca, sviluppo e innovazione; la necessità permanente di capitale circolante legata all'attività operativa.

"Sono particolarmente soddisfatto della collaborazione con Banco Bpm - ha dichiarato Dario Scannapieco, vicepresidente della Bei -: sta dimostrando una elevata rapidità nell'allocazione delle risorse, e questo è il segnale che anche grazie alla partnership con una grande banca italiana l'Europa può essere vicina ai cittadini e alle imprese, incluse quelle agricole, per il rilancio dell'economia".

Giuseppe Castagna, amministratore delegato di Banco Bpm commenta: "Con questa operazione si rafforza il già consolidato rapporto con Bei che costituisce un capitolo significativo della costante attività svolta da Banco Bpm a favore delle imprese italiane. Ad oggi i finanziamenti erogati nel quadro degli accordi con Bei ci hanno consentito di supportare più di 2.200 piccole e medie imprese per un ammontare di impieghi che supera il miliardo di euro. Nello specifico di questa operazione sono molto soddisfatto che una quota consistente del plafond sia destinata ad aziende agricole, un settore in cui Banco Bpm rappresenta un punto di riferimento per molti imprenditori e in cui intendiamo continuare a crescere".
 

La struttura dell'operazione

La Bei sottoscrive in private placement un nuovo covered bond emesso nell'ambito del programma Bpm Covered Bond 2, garantito da un portafoglio di mutui residenziali costituito ai sensi della legge italiana sulle Obbligazioni bancarie garantite. Il covered bond emesso da Banco Bpm ha durata sei anni con rimborso del capitale a scadenza e con cedola a tasso fisso pari allo 0,5% annuo. Banco Bpm, a sua volta, trasferisce 500 milioni di nuove risorse con un vantaggio finanziario (riduzioni di tasso alle imprese) al finanziamento dei progetti delle imprese che ne faranno richiesta.
Sarà Banco Bpm, attraverso la sua rete di filiali, a gestire domande di finanziamento, erogazioni e rimborsi. Le durate dei prestiti potranno arrivare sino a 12 anni.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 239.480 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner