Wi Bev, l'automazione al servizio del wine&beverage

Durante il wine2wine di Veronafiere è stata lanciata la prima edizione dell'esposizione di macchinari e attrezzature tecnologiche per il settore enologico, frutto della collaborazione fra Veronafiere e Fiere di Parma

veronafiere-vinitaly-2014-credits-foto-ennevi-veronafiere.jpg

Veronafiere, sede della prima edizione di Wi.Bev
Fonte foto: © Ennevi Foto

Ottimo bilancio per la prima edizione di “Wi Bev – International wine & beverage technologies event” tenutosi presso Veronafiere durante il wine2wine di Verona, nelle giornate del 4 e 5 dicembre scorsi. In mostra le nuove tecnologie e le innovazioni legate alla filiera vitivinicola e del mondo beverage, in particolare i prodotti innovativi nel campo della lavorazione e dell’imbottigliamento del vino, della birra, delle bevande. Il tutto grazie alla newco Vpe messa in piedi da Veronafiere e Fiere di Parma.

Tante le innovazioni in luce, dal sistema per togliere ossigeno e preservare la qualità del vino, al controllo ottico con telecamera ad altissima risoluzione di tutto l’esterno delle bottiglie, ma anche la resina epossidica per uso alimentare o i monoblocchi di riempimento con valvola elettropneumatica, passando per la selezionatrice ottica per uva e quella capace di scartare anche gli acini disidratati.

Oltre al momento espositivo, Wi Bev vuole dare spazio alla formazione, grazie a un programma di convegni e seminari qualificati. Il posizionamento a dicembre è infatti strategico perché segue la conclusione della vendemmia, consentendo così la più ampia partecipazione da parte delle aziende e degli operatori.

Vogliamo presentare le innovazioni tecnologiche delle aziende con l’obiettivo di facilitare la loro introduzione nel ciclo produttivo – ha sottolineato Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere – l’obiettivo è creare nuove opportunità di business sul mercato, grazie a un progetto che nasce dall’unione di intenti e competenze di due player fieristici leader indiscussi nel food and beverage, quali Veronafiere e Fiere di Parma”.

C’è una domanda crescente da ogni continente dei macchinari italiani nel settore enologico e beverage – ha poi ricordato Antonio Cellie, Ceo di Fiere di Parma – e Wi Bev sarà la piattaforma annuale per la promozione della tecnologia made in Italy, dedicata non solo alla filiera italiana, ma anche ai buyer internazionali”.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 196.369 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner