Toscana, il punto sul Pecorino toscano Dop

In una conferenza stampa congiunta tra regione e consorzio di tutela sono stati illustri gli andamenti alterni di mercato e il successo dell'iniziativa Caseifici aperti. Commentata anche la situazione del problema lupi

pecore-paesaggio-pecorino-by-maffei-renato-pecorino-toscano-dop-jpg.jpg

Pecore al pascolo sulle colline toscane
Fonte foto: Renato Maffei - pecorinotoscanodop.it

Regione e Consorzio tutela Pecorino toscano Dop hanno fatto il punto, in un conferenza stampa tenuta nei giorni scorsi a Firenze, sulla situazione del comparto dopo la crisi che ha investito il settore tra la fine del 2018 e l'inizio di quest'anno, che ha visto anche la rescissione dei contratti di fornitura di latte ovino da parte di grandi aziende di trasformazione.

Riguardo la produzione i dati parlano di circa 19 milioni di litri di latte proveniente dalla zona di origine e lavorato a Dop dai diciassette caseifici consorziati, che ha portato a una produzione certificata di 3.345 tonnellate, pari a oltre 1 milione e 391mila forme.

Per le vendite si è arrivati a circa 2.328 tonnellate di Pecorino toscano Dop venduto tra fresco e stagionato con un fatturato al consumo, si parla di circa 50 milioni di euro, con vendite in Italia per quasi 35 milioni di euro e all'estero per circa 15 milioni di euro.

A emergere è un dato positivo sui mercati esteri che ha visto nel 2018 un aumento del 25% delle esportazioni, sostenute soprattutto dagli Stati Uniti, che conferma che la scelta di valorizzare la qualità e la tracciabilità del prodotto si è rivelata positiva.

Riguardo il mercato nazionale invece c'è stato un calo del 13% delle vendite, che secondo l'assessore regionale all'Agricoltura Marco Remaschi, può essere dovuto anche all'immissione di ingenti quantità di Pecorino romano a causa del surplus di produzione di latte sardo.

Tuttavia, secondo l'assessore, la Toscana, grazie agli interventi adottati a tutela degli allevatori e che puntano a potenziare tutta la filiera, conta di ottenere una crescita ulteriore sul mercato estero ed un assestamento su quello interno.

Nel corso della conferenza stampa è stato fatto il punto anche sulla prima edizione di Caseifici aperti, che per Remaschi è un'iniziativa assolutamente da promuovere con forza perché, sulla scia di altre analoghe riguardanti filiere agroalimentari di grande importanza per la Toscana, permette a tante persone di vedere con i propri occhi come si arriva ad un prodotto finito di eccellenza.

Interpellato sul problema delle predazioni, l'assessore ha quindi spiegato che la Toscana non è d'accordo con il piano lupo presentato dal governo e che vorrebbe individuare un'iniziativa di raccordo tra allevatori, regione, governo e Commissione europea per dare una risposta al problema.

Per Remaschi la Toscana ha come unico interesse la salvaguardia degli allevamenti e della sicurezza dei cittadini, certamente non quello di abbattere lupi, a meno che non sia inevitabile.

Per questo ha lanciato anche un invito provocatorio ad agire quanto prima a chi fosse in grado di catturarli e spostarli in altre zone dove non creino contrasto all'attività umana, garantendo per questo la collaborazione della regione.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.851 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner