Taglio della coda: costi e dubbi degli allevatori

Il tema è stato discusso assieme a medici veterinari in occasione del convegno tenutosi a Montichiari. Tante le preoccupazioni, serve sperimentare per avere dati oggettivi

scollo-annalisa-medico-veterinario-libero-professionista-fonte-centro-fiera-garda.jpg

Annalisa Scollo

Gli allevatori non possono dormire sonni tranquilli: il taglio della coda nei suinetti è una questione molto discussa e lo sarà ancora per molto tempo. Se n'è parlato all'incontro che si è svolto il 1° febbraio scorso a Montichiari (Bs), nell'ambito della Fazi, Fiera agricola zootecnica italiana, dove si sono messi a confronto le esperienze e i risultati fin qui raggiunti con le prove in conversione.

Valérie Courboulay, Andrea Rossi, Annalisa Scollo e Luigi Franchi, medici veterinari e a diverso titolo investiti del problema, si sono confrontati e hanno illustrato i diversi aspetti del controverso argomento alla platea.

Andrea Rossi ha ricordato che la direttiva "al momento non impone nulla, ma raccomanda di adottare tutte le misure necessarie per arrivare a non praticare più il taglio della coda come sistema routinario" ma i dubbi e le preoccupazioni degli allevatori non hanno trovato risposta.

 
Andrea Rossi
Nella foto: Andrea Rossi

Tanti gli interrogativi, vi sono quelli che riguardano i costi, concentrati soprattutto sugli arricchimenti ambientali e sul maggior tempo richiesto agli operatori dall'osservazione volta a individuare il suino morsicatore all'interno di ogni box; costi che graverebbero sul bilancio degli allevatori e che nessuno ha saputo fino a oggi quantificare con precisione: in Francia, ad esempio, secondo uno studio illustrato da Valérie Courboulay si è arrivati a stimare una cifra intorno a 16,50 euro/capo.

Gli allevatori si chiedono inoltre se è possibile parlare di benessere quando, nonostante tutti gli accorgimenti adottati, l'improvvisa aggressività tra suini aumenta il rischio sanitario con conseguente maggiore assunzione di antibiotici fino ad arrivare, nei casi più gravi, alla caudectomia intorno al mese di vita, determinando ripercussioni spesso negative in termini di sofferenza e produttività.

Luigi Franchi ha inoltre sottolineato nel suo intervento che "qualcuno ha parlato di miglioramento degli indici produttivi che dovrebbero essere garantiti da suini con la coda lunga: i risultati delle prove in conversione che ho potuto testare personalmente su un vasto campione di maiali non hanno evidenziato nessun particolare miglioramento produttivo".

Costi, rischi sanitari, interpretazione del termine benessere ma anche genetica e condizioni climatiche sono gli altri aspetti sui quali la discussione del mondo produttivo sul mancato taglio della coda nei suinetti è molto accesa e, necessariamente, esige risposte certe sia da un punto di vista scientifico che tecnico. "Allo stato trovare una soluzione ideale, capace di creare il giusto equilibro tra esigenze dell'allevatore e del suino non è facile – ha affermato Annalisa Scollo –. L'individuazione del suino morsicatore all'interno dei box richiede all'operatore capacità ma anche allenamento, un processo difficile, certo, ma non impossibile".

Le prove in conversione devono proseguire e i risultati che ne deriveranno dovranno essere presentati nelle competenti sedi europee per un confronto tra Stati membri e Autorità sanitarie. In mezzo a tanti dubbi una certezza accomuna i paesi europei grandi produttori di suini come l'Italia: "L'approccio di tutti è scettico e di grande preoccupazione ha sottolineato Andrea Rossi – per questa ragione nessuno deve arroccarsi su posizioni ideologiche, ma continuare a sperimentare per essere in grado di produrre dati oggettivi". Solo su questa base la discussione potrà sfociare in un risultato costruttivo e che non penalizzi l'attività del settore.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 202.595 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner