Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Puglia, Coldiretti chiede operatività per il tavolo della filiera latte

L'organizzazione lamenta una stagnazione del controvalore all'origine ai livelli di venti anni fa, l'importazione massiccia di materia prima dall'estero per i caseifici e chiede l'aggancio del prezzo alla stalla al prezzo al consumo

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

latte-by-karandaev-fotolia-750.jpeg

L'assessore all'Agricoltura della Regione Puglia Leonardo Di Gioia ha costituito il tavolo regionale della filiera latte
Fonte foto: © karandaev - Fotolia

In Puglia a fronte dei 1.939 allevamenti che producono 3,6 milioni di quintali di latte bovino, le importazioni di latte dall'estero raggiungono i 2,7 milioni di quintali e i 35mila quintali di prodotti semi-lavorati quali cagliate, caseine, caseinati e altro, utilizzati per fare prodotti lattiero-caseari "che vengono poi venduti come prodotti lattiero-caseari made in Puglia" denuncia la Coldiretti Bari.
Queste importazioni contribuiscono a tenere basso il prezzo del latte alla stalle. A fronte di questo fenomeno l'assessore all'Agricoltura della Regione Puglia Leonardo Di Gioia ha costituito il tavolo regionale della filiera latte del quale la Coldiretti Bari chiede l'avvio delle attività.

"Risultano ormai inaccettabili le dinamiche secondo le quali - denuncia il delegato confederale della Coldiretti Bari Angelo Corsetti - un litro di latte alla stalla costa nella migliore delle ipotesi tra i 37 e i 39 centesimi (stesso prezzo di venti anni fa) e un litro di latte al consumo arrivi a costare da euro 1,30 fino ad euro 1,60. Eppure i trasformatori stanno acquistando il 'latte spot' a prezzi stellari, per poi 'compensare' i maggiori costi pagando il latte locale a prezzi bassi".
La Coldiretti chiede come forma di indicizzazione del prezzo del latte alla stalla l'aggancio di questo al prezzo al consumo di latte e formaggi che i cittadini acquistano nei negozi e nei supermercati.

"Chiediamo al contempo che vengano intensificati i controlli, in modo da garantire la reale applicazione del decreto sull'indicazione obbligatoria dell'origine del latte in etichetta - sottolinea Corsetti, che aggiunge - pertanto ringraziamo l'assessore regionale all'Agricoltura Leonardo Di Gioia che ha costituito il tavolo di filiera per la parametrazione del giusto prezzo del latte alla stalla e ora attendiamo l'avvio improcrastinabile dell'attività".

"Alla luce dell'entrata in vigore del decreto sull'etichettatura obbligatoria - precisa il delegato territoriale della Coldiretti Bari Vito Amendolara - sono determinanti scelte chiare sotto svariati aspetti, a partire dal sostegno ai sistemi produttivi e della trasformazione in termini promozionali e, più in particolare, in termini di programmazione di fondi pubblici che debbono, a nostro avviso, concentrarsi su aziende e filiere che esaltino il valore del made in Puglia. E' evidente a tutti che non esistono norme che impongano limitazioni in un contesto di scambi globalizzati, ma è altrettanto evidente quanto le sensibilità circa il consumo consapevole dei consumatori non siano ininfluenti".

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Coldiretti Bari

Autore:

Tag: import/export latte prezzi formaggi bovini etichettatura filiera decreto

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia
Irritec

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 14 dicembre a 134.508 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy