Latte, migliaia di produttori a Milano per Copagri

Conclusa positivamente la manifestazione del 19 febbraio: un messaggio diretto al prossimo Governo per chiedere priorità assoluta

Questo articolo è stato pubblicato oltre 6 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

latte-goccia-milk-bicchiere-byflickrcc20-kylemay.jpg

Quote latte, i produttori chiedono una soluzione al Governo
Fonte foto: © Kyle May - Flickr

Abbiamo apprezzato la sincerità e la disponibilità fornita dal prefetto Paolo Tronca, soprattutto per l’impegno di sostenere un immediato contatto con il prossimo ministro, al fine di pianificare degli atti concreti che possano tener conto del dossier consegnato oggi".

Così Roberto Cavaliere, responsabile nazionale Copagri del settore lattiero-caseario, ha commentato la manifestazione svoltasi il 19 febbraio a Milano davanti alla Prefettura.

Cavaliere spiega che durante l'incontro con Fabrizio Spada, rappresentante regionale di Milano della Commissione Europea, Copagri ha avuto l’occasione di spiegare in maniera dettagliata i principali passi storici che hanno causato l’applicazione di quelli che definisce "ingiusti prelievi supplementari ai produttori italiani", sottolineando che "l’Europa ha avuto un atteggiamento poco trasparente rispetto alla mala gestione del sistema quote latte, chiedendo che venga ripristinata la giusta dignità ai produttori italiani a cui non solo è stato impedito di produrre latte per un valore di 5 miliardi di euro all’anno, ma bensì sono state loro applicate sanzioni ingiuste a seguito di responsabilità altrui".

"La manifestazione - ha concluso Cavaliere - vuole rappresentare un messaggio diretto al prossimo Governo, invitandolo a definire, con priorità assoluta, la vicenda quote latte. Diversamente, non perderemo ulteriore tempo in vista di una mobilitazione nazionale e, soprattutto, nella costituzione di una class-action collettiva nei confronti dello Stato e della Commissione Europea per chiedere, oltre alla restituzione delle somme versate ingiustamente sino ad oggi, il riconoscimento del maggiore danno subito proprio a causa della mala gestione del sistema".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 229.867 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner