Piccoli allevatori toscani, servono politiche a sostegno

In dieci anni -30% aziende bovine, -47% aziende ovine

Questo articolo è stato pubblicato oltre 8 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

bestiame2.JPG

"Servono politiche adeguate per salvare la zootecnia toscana". Lo sottolinea la Cia Toscana che ha preso parte, a Firenze,  al convegno 'Proposte a sostegno dei piccoli allevatori' organizzato, oltre che dalla stessa Cia, da Legambiente , Aiab, Coordinamento Toscano Produttori Biologici.

I dati del recente censimento Istat, parlano chiaro, in 10 anni c’è stato un crollo vero e proprio: per i bovini le aziende sono passate da 4.964 a 3.486 (-29,8%) oltre al -10,1% per capi; mentre per gli ovini erano 4.628 le aziende nel 2000 e sono 2.452 nel 2010 (-47%) son un -24,9% per numero di capi.

"I dati recenti del sesto censimento sull’agricoltura toscana – ha commentato Giordano Pascucci, presidente della Cia Toscana – evidenziano una forte criticità del settore nella nostra regione. Più di un quarto delle aziende zootecniche toscane sono scomparse in soli dieci anni, la maggioranza delle quali sono piccole e piccolissime aziende, per lo più in aree marginali e montane della regione. Emerge che l’agricoltura delle aree svantaggiate e montane sta chiudendo: se si vuol salvare l’agricoltura occorrono politiche e risorse adeguate, a partire dalla nuova Politica agricola comune (Pac 2014-2020) che va profondamente modificata. Nessuno può rimanere indifferente di fronte a questa situazione così drammatica"

"Da parte nostra insistiamo – ha aggiunto Pascucci - nel dire che l’agricoltura toscana e la zootecnia in particolare, oltre alle difficoltà derivanti dai problemi strutturali che la affliggono, è strozzata da troppi vincoli, da troppa burocrazia e da una Pac sbagliata che da anni penalizza i nostri agricoltori. La  salvezza ed il rilancio della nostra agricoltura deve diventare obiettivo di tutta la società e delle Istituzioni nel loro insieme ed a tutti i livelli. E' urgente intervenire per fermare l’abbandono delle aree svantaggiate e montane e per arrestare il declino della zootecnia toscana. Invitiamo la Regione Toscana a intraprendere subito iniziative per il sostegno e per il rilancio del settore zootecnico, perché il trend negativo che i dati del censimento hanno evidenziato subisca un’inversione di rotta"

"La Regione Toscana – ha concluso il presidente Cia Pascucci - favorisca lo sviluppo e la nascita dei piccoli allevamenti, che possano essere volano economico fondamentale per alcune aree rurali e per rafforzare la filiera corta locale. In particolare si rende necessario che la Regione armonizzi le politiche e le strategie assunte in materia agricola, ambientale, urbanistica e sanitaria. Una innovazione normativa con una visione d’insieme, che favorisca la nascita e lo sviluppo degli allevamenti".

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.719 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner