Benessere ovaiole, intesta Stato-Regioni

Dal 1 gennaio 2012 è fatto divieto di utilizzare negli allevamenti italiani gabbie tradizionali non modificate e non conformi al decreto legislativo 267/2003

Questo articolo è stato pubblicato oltre 7 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

gallo.jpg

La Conferenza Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 ha raggiunto l'intesa sullo schema di decreto del ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali di modifica del DM 3 agosto 2011 recante: "Disposizioni per la presentazione delle istanze di adesione al programma di adeguamento degli impianti di allevamento delle galline ovaiole alle norme per il benessere animale".

Dal 1 gennaio 2012 è fatto divieto di utilizzare negli allevamenti italiani gabbie tradizionali non modificate e non conformi al decreto legislativo 267/2003. Per l'adeguamento degli impianti è previsto il ricorso agli accordi di programma quadro promossi dalle Regioni, oppure ai contrati di filiera e di distretto. Il Decreto del Mipaaf del 3 agosto 2011 ha individuato come condizione per l'accesso al sostegno dello sviluppo rurale e ad altri eventuali finanziamenti, una procedura di adesione volontaria, da perfezionare entro il 31 ottobre 2011, termine sul quale le Regioni avevano chiesto il posticipo al 31 dicembre 2011.

"Trattandosi di un mero spostamento di data - si legge sull'intesa - la questione è stata sottoposta al Comitato permanente di coordinamento in materia di agricoltura, che ha dato parere favorevole".

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.197 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner