Emilia-Romagna, polo d'eccellenza per il grano duro di qualità

'Filiera grano duro News'. Gli argomenti del n. 11 - giugno 2009: attività di ricerca del progetto 'Grano duro di alta qualità' e fusariosi della spiga. Un ricordo di Giampaolo Bernardi, uno degli ideatori del progetto

Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

filiera grano duro 11.png

Filiera grano duro News, n. 11 giugno 2009

E’ in distribuzione l’undicesimo numero di 'Filiera Grano duro news' (giugno ‘09), il periodico di informazione tecnico-economica a sostegno del Progetto “Grano duro di alta qualità in Emilia-Romagna".

In questo numero viene posta l’attenzione su due temi principali:
- sulle attività di ricerca, sperimentazione e divulgazione messe in atto all’interno del Progetto per far divenire la regione Emilia-Romagna un polo di eccellenza nella produzione di grano duro di qualità. Tra le attività più importanti la realizzazione di una particolare Farming a Ravenna, presso l’Azienda agricola Ca’ Bosco di Horta srl (spin-off dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza) per lo studio dei fattori di equilibrio della coltura del grano duro;
- sulla fusariosi della spiga, in particolare sulla messa a punto da parte di Psb (Produttori sementi Bologna) di un metodo per la sperimentazione biologica in campo per l’ottenimento di varietà resistenti a questa patologia. Ampio spazio viene dato anche all’analisi dell’annata in corso, cercando di formulare previsioni su quanto ci si può attendere al momento della trebbiatura, e alle problematiche che emergono dalle analisi per la rilevazione del Don, la micotossina maggiormente presente nel grano duro italiano.

Completa l’undicesimo numero un ricordo dell’amico Giampaolo Bernardi, uno degli ideatori del progetto “Grano duro di alta qualità in Emilia-Romagna” scomparso prematuramente nell’aprile scorso e un commento sulla campagna cerealicola 2007/2008 da parte dell’Op Cereali Emilia-Romagna, la maggiore Op Cerealicola Italiana.
 
Giunto al suo terzo anno, il Progetto “Grano duro di alta qualità in Emilia-Romagna” prevede per l’annata in corso la produzione di oltre 60 mila tonnellate di grano duro di alta qualità che, prodotte nel territorio emiliano-romagnolo, verranno conferite al mulino di Parma della Barilla. Promosso della Società Produttori Sementi di Bologna insieme alla Società Barilla con il supporto della Regione Emilia-Romagna, coinvolge le più importanti organizzazioni dei produttori agricoli emiliano romagnoli (Op Cereali Emilia-Romagna, Op Grandi colture, Cap Parma, Cap Piacenza, Capa Ferrara) con l’obiettivo di rendere strutturale la produzione di grano duro di alta qualità nelle zone più vocate dell’Emilia-Romagna, facendo della regione un importante polo produttivo.

Chi fosse interessato a ricevere il periodico 'Filiera Grano duro news', può inviare una mail a m.bon@prosementi.com oppure collegarsi al sito internet www.prosementi.com e compilare il form nella sezione contatti.
 

Scarica 'Filiera Grano duro news'

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 238.859 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner