Primavera molto dinamica: ancora freddo e instabilità

Europa alle prese con clima invernale, la situazione non cambierà e continuerà a far fresco

Andrea Tura di Andrea Tura

primavera-2021-meteo.jpg

Sbalzi termici incredibili. Una primavera 2021 dai colpi di scena
Fonte foto: MeteoGiuliacci

Una primavera finora ricca di colpi di scena, con un inizio tutto sommato entro i normali ranghi stagionali, ma nel corso del mese di marzo è addirittura esploso un autentico anticipo d'estate fino a capitombolare rapidamente sotto condizioni assolutamente invernali.

Nel momento in cui l'inverno sembrava definitivamente archiviato e ben lontano dalle sorti meteorologiche italiane, ecco il ribaltone che mai avremmo immaginato, con il ritorno del freddo e della neve. Uno scenario visto non solo sul territorio italiano, ma anche in gran parte dell'Europa ove le temperature nell'arco di poche ore si sono spinte da parecchi gradi oltre le medie (ricordiamo che localmente abbiamo registrato picchi da record) a valori termici da piena stagione fredda.

In diverse località europee i termometri sono letteralmente precipitati, ad esempio come riportato nella nostra rubrica "Foto del giorno", la Slovenia è passata da massime di oltre 25°C a minime oltre i -20°C. Non si è trattato di un classico colpo di coda invernale, ma di un vero e proprio dietrofront della stagione.

Se il caldo di fine marzo non era assolutamente consono al periodo in esame, anche questo clima di metà aprile è fuori dai ranghi stagionali, ricalcando meglio le sorti dell'inverno. La rapidità della colata artica verso Sud ha permesso il mantenimento del nocciolo freddo con un addolcimento effimero, ma oltre all'intensità sorprende anche la persistenza, tant'è che la situazione proseguirà su queste note anche per i prossimi giorni, proponendo quindi un fine aprile ben più freddo del normale.

Lo scenario meteo non subirà perciò particolari variazioni, specie per quest'ultima parte della settimana, con l'aria fredda che continuerà la sua corsa verso l'Europa meridionale, Italia compresa, con l'alta pressione che resterà defilata tra il Nord Atlantico e la Scandinavia.
 

Analisi

Le ultime proiezioni dai centri di calcolo previsionali non propongono sostanziali variazioni: il Mediterraneo verrà caratterizzato da una costante instabilità atmosferica. Il quadro meteorologico si presenterà a tratti compromesso, il tutto grazie ad un assetto barico non idoneo all'affermazione in grande stile della primavera. Le lunghe fasi stabili, miti e pienamente soleggiate, sono rimandate a miglior data, anche se comunque non saranno del tutto escluse rapide e brevi sortite anticicloniche che potrebbero nascondersi dietro l'angolo. Indispensabile oltretutto sottolineare che, dato il contesto, una probabile futura visita dell'alta africana potrebbe attivare contrasti termici importanti, forieri di fenomeni ad evoluzione temporalesca a tratti molto intensi.

Per la realizzazione di quest'ultima ipotesi, al momento la più accreditata dai modelli, occorre però la risoluzione dell'attuale configurazione, ovvero lo smantellamento del muro anticiclonico che blocca attualmente il flusso delle perturbazioni atlantiche verso il cuore europeo. Attualmente abbiamo difatti una potente struttura altopressoria alle alte latitudini, che va a congiungersi con l'alta delle Azzorre tra l'Europa occidentali e l'Atlantico, un legame direttamente responsabile della colata d'aria fredda sui settori centromeridionali del continente. Ferite di tale calibro non sono oltretutto di facile risoluzione, tant'è che per cambiamenti sostanziali occorrerà attendere almeno l'ultima settimana di aprile.
 

Previsioni a breve termine

Il nuovo flusso gelido, il quale porterà un altro carico di aria fredda dopo quello dell'irruzione post pasquale, prenderà piede nel corso del weekend. Le masse artiche a contatto con i mari occidentali del Mediterraneo andranno a scavare un vortice depressionario particolarmente insidioso tra la penisola iberica, i settori settentrionali africani e la Sardegna. Dopo la breve pausa più stabile di queste ore inizieremo ad avvertire - dalla giornata di venerdì - i primi annuvolamenti a tratti compatti che porteranno un peggioramento sulle nostre due isole maggiori, laddove sono attesi i fenomeni più intensi. Le precipitazioni guadagneranno gradualmente terreno verso le regioni centromeridionali e parzialmente anche al Nord, specie sull'arco alpino, ove arriveranno abbondanti nevicate. Le temperature continueranno a mantenersi sotto le medie stagionali, con possibili nevicate anche sulla dorsale appenninica a quote non troppo alte, decisamente insolite per il mese di aprile.

Primavera in crisi

La primavera dopo aver proposto il suo lato più caldo ci sta mostrando quello più freddo: sono i frutti tipici della stagione in corso, ovvero gli sbalzi termici. Le attuali temperature non rientrano difatti nei classici ranghi stagionali, presentando anomalie negative di rilievo e, come già accennato, per un cambio di registro dovremo attendere almeno l'ultima settimana del mese quando l'assetto atmosferico sullo scacchiere europeo subirà variazioni strutturali e darà modo all'Atlantico di riprendere piede. L'arco previsionale è molto ampio, ma a quel punto non saranno improbabili vortici ciclonici secondari innescati nel Mediterraneo, prodotti dagli affondi depressionari verso i settori sudoccidentali europei. Le gocce fredde potrebbero innescare peggioramenti importanti con intense celle temporalesche.
 

Conclusioni

Ad oggi non s'intravedono all'orizzonte ondate di caldo anomalo e visto il trend degli ultimi decenni è sicuramente una notizia positiva.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie Meteo

Autore:

Tag: meteo previsioni e tendenza meteo settimanale

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 261.738 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner