Produzione integrata, firmato il decreto per il Sistema di qualità nazionale

Il provvedimento stabilisce che la definizione di difesa integrata è quella prevista dalla “norma tecnica” che si esplicita nei disciplinari. Lo riporta Il Punto Coldiretti

Questo articolo è stato pubblicato oltre 7 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

E’ stato firmato dal ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina il decreto ministeriale che disciplina il Sistema di qualità nazionale di produzione integrata (Sqnpi). Il provvedimento stabilisce che la definizione di difesa integrata è quella prevista dalla specifica “norma tecnica” che si esplicita nei disciplinari redatti a livello regionale al fine di renderla rispondente alle peculiari condizioni pedo-climatiche delle singole Regioni me Province Autonome.

Lo riporta il Punto Coldiretti
I disciplinari devono essere conformi alle linee guida nazionali di produzione integrata (Lgnpi) approvate dall’Organismo tecnico scientifico composto da esperti delle amministrazioni regionali de delle province autonome, da due rappresentanti del Mipaaf e due del Centro Ricerche in Agricoltura ed un rappresentante degli istituti scientifici di livello nazionale.

I disciplinari regionali sono approvati da Regioni e Province Autonome previa verifica della conformità alle linee guida da parte dei gruppi specialistici di cui è composto l’Organismo tecnico scientifico ognuno per l’are a di propria competenza. Le Regioni propongono le modifiche ai disciplinari regionali coerentemente agli aggiornamenti alle linee guida. Le modifiche ai disciplinari regionali, previa verifica di conformità alle linee guida da parte dei gruppi specialistici dell’OTS, sono approvate dalle Regioni e Province Autonome, entro 60 giorni dal recepimento del parere di conformità.

Leggi qui la notizia completa 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 261.824 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner