Il nuovo MF 7S.190 scende in campo

Supera i 200 cavalli il top di gamma della Serie 7S, dotato di motore AGCOPower Stage V, trasmissione Dyna-VT e tante novità in cabina. Eccellente anche la dotazione idraulica

Serena Giulia Pala di Serena Giulia Pala

Contenuto promosso da AGCO Italia :: Massey Ferguson
massey-ferguson-7s190-contoterzista-cattabiani-fonte-agronotizie.jpg

L'MF 7S.190 abbinato a un erpice a dischi Bednar da 6 metri
Fonte foto: Agronotizie

Arriva un nuovo modello Massey Ferguson per i contoterzisti e le grandi aziende a indirizzo misto in cerca di un trattore di medio alta potenza con prestazioni interessanti.

È l'MF 7S.190, modello della Serie MF 7S che - con passo di 2,88 metri e motori a sei cilindri da 155 a 190 cavalli - fa da ponte tra le Serie 6S, con passo di 2,67 metri e propulsori a quattro cilindri da 135 a 180 cavalli, e 8S con potenze fino a 305 cavalli.

E la famiglia MF 7S si amplia anche con l'arrivo del nuovo modello MF 7S.210 che - anch'esso dotato di motore esacilindrico e trasmissione a variazione continua Dyna-VT - offre 210 cavalli permanenti contro i 190 del 7S.190. Entrambi i trattori raggiungono i 220 cavalli, quando necessario, con l'inserimento dell'Engine Power Management (Epm).

In campo, abbiamo potuto ammirare l'eccezionale produttività e l'elegante design del 7S.190 nell'allestimento Exclusive presso l'Azienda Agricola Rizzi di Viarolo (Parma), dedita alla produzione di Parmigiano Reggiano nel parmense. Nell'Azienda si utilizzano diversi trattori Massey Ferguson su circa 200 ettari (prato stabile e colture foraggere) e nella stalla con cinquecento vacche.


 

Emissioni ridotte senza intaccare la visibilità

Sotto il cofano ridisegnato con sciabola argentata sulle fiancate e barra illuminata led dell'MF 7S.190, un motore common rail AGCO Power da 6,6 litri di cilindrata eroga una potenza di 190 cavalli, raggiungendo i 220 cavalli con l'Epm che assicura fino a 30 cavalli in più in alcuni frangenti (in fase di trasporto o nei lavori con Pto e idraulica in gioco). Sempre l'Epm garantisce il passaggio della coppia massima da 850 a 925 newtonmetri quando serve.

"Caratteristica esclusiva della nostra motorizzazione Stage V è il gruppo di trattamento dei gas di scarico all in one" racconta Claudio Bogoni, product specialist di Massey Ferguson. "Il gruppo racchiude un catalizzatore DOC, un sistema SCR e un catalizzatore di fuliggine SC in un'unica unità compatta, posizionata sotto la cabina". A migliorare la visuale contribuisce un tubo di scarico sottile, allineato al montante della cabina.

MF 7S frontale


Efficienza garantita con la Dyna-VT

Sull'MF 7S.190, ideale per applicazioni medio pesanti e trasferimenti stradali, il motore Stage V lavora con la migliorata trasmissione a variazione continua Dyna-VT, mentre sui fratelli minori 7S.155, 7S.165, 7S.180 può avere come collega anche la trasmissione Dyna-6 con sei marce sotto carico e quattro gamme robotizzate per un totale di 24AV + 24RM.

Utilizzabile nelle modalità campo (da 0 a 30 chilometri orari) e trasporto (fino a 50 chilometri orari), Dyna-VT in versione Super Eco permette di raggiungere la velocità massima a soli 1.450 giri al minuto. Inoltre la migliorata modalità permette l'impostazione automatica del regime motore ottimale in base al carico e alla velocità, regolabile dal driver tramite leva Multipad o pedale dell'acceleratore. La funzione Neutro con freno - inseribile tramite un interruttore sul montante - consente invece il passaggio in folle con il pedale del freno.

I desideri si avverano in cabina

Salendo a bordo, rimaniamo colpiti dalle dotazioni pensate per mettere a proprio agio il conducente e facilitarlo in ogni attività. Se il nuovo climatizzatore automatico mantiene la cabina più fresca (fino a 4 gradi in meno), il sedile girevole Grammer con sospensione pneumatica - offerto anche riscaldato, con sistema di ventilazione migliorato e sistema di ammortizzamento dinamico - assicura una permanenza piacevole. Sospesi anche la cabina (con sospensione meccanica attiva) e l'assale anteriore.

Oltre a godere di una visuale ottimale grazie a un numero maggiorato di fari di lavoro e a 16 luci led opzionali, il guidatore controlla tutto al meglio tramite il rinnovato bracciolo e la nuova leva Multipad, Isobus compatibile. Simile a quello presente sull'MF 8S, il bracciolo ospita diversi comandi (motore, idraulica, trasmissione, telefono e radio), nonché le funzionalità della guida satellitare.


Il logo del MF 7S


"La leva Multipad agevola il controllo del sollevatore, le opzioni di marcia, le modalità di guida preimpostate e l'attivazione della guida automatica MF Guide"
spiega Bogoni. "La leva Power Control, esclusiva di Massey Ferguson, permette di gestire l'inversione della direzione di marcia e la regolazione della velocità con la trasmissione Dyna-VT, consentendo di controllare eventuali attrezzature con la mano destra".

In più, il display standard Datatronic 5 con touchscreen da 9 pollici più chiaro, colori più definiti e nuovi tasti sullo schermo principale facilita il controllo delle varie funzioni del trattore, in primis di quelle di precision farming. Tra queste, la guida automatica, MF Section Control, MF Rate Control per applicazioni super precise, nonché la telemetria MF Connect (di serie) per il monitoraggio in tempo reale e il sistema standard MF Task Doc per la trasmissione bidirezionale dei dati, in linea con l'Agricoltura 4.0. Al Datatronic 5 può aggiungersi il monitor Fieldstar 5.

 

MF 7S risponde a ogni sfida

Come la cabina, anche l'idraulica dell'MF 7S.190 offre tutto ciò che serve per lavorare in modo efficiente. La pompa load sensing da 110 litri al minuto (da 190 litri al minuto in opzione) del circuito a centro chiuso permette di gestire la portata dell'olio a seconda delle reali necessità dell'attrezzatura e il Power beyond posteriore garantisce portata diretta dalla pompa all'attrezzatura. "La gestione separata degli oli preserva la trasmissione in caso di anomalie delle attrezzature e assicura sempre la massima potenza quando serve" sottolinea Bogoni.

L'olio è inviato a un massimo di cinque distributori posteriori (quattro elettroidraulici di serie più uno opzionale) e a un sollevatore che solleva fino a 9.600 chilogrammi. Fino a tre distributori ventrali, uno dedicato al sollevatore anteriore da 4mila chili e due per le attrezzature frontali, e la Pto anteriore (in opzione) rendono il trattore ideale per assicurare elevate prestazioni con combinazioni di attrezzi anteriori e posteriori.


Il bracciolo dell'MF 7S.190


Inoltre, con una massa massima ammessa di 14 tonnellate, il passo lungo e pneumatici posteriori da 42 pollici, il 7S.190 - equipaggiabile anche con zavorre - garantisce trazione e stabilità elevate su diversi tipi di terreno e con differenti implement, in campo e in trasporto.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: innovazione macchine agricole video trattori componentistica alta potenza media potenza

Temi caldi: storie