MF 6S, il quattro cilindri che sembra un sei

Per le aziende a cui serve un trattore multifunzionale, maneggevole e potente, il Massey Ferguson MF 6S è l'ideale. Coniuga un passo ridotto, di soli 2,67 metri, e un motore che esprime fino a 200 cavalli. Scopri tutti i dettagli

Tommaso Cinquemani di Tommaso Cinquemani

Contenuto promosso da AGCO Italia :: Massey Ferguson
contoterzista-massey-ferguson-mf6s-nov-2021-fonte-image-line.jpg

Il nuovo MF 6S arriva fino a 200 cavalli di potenza
Fonte foto: Agronotizie

Nelle aziende agricole, soprattutto quelle zootecniche, è fondamentale avere un trattore potente ma compatto, in grado di effettuare tutte le operazioni all'interno del corpo aziendale, ma anche di affrontare con serenità le lavorazioni in pieno campo. È il caso del Massey Ferguson MF 6S, che abbiamo avuto modo di toccare con mano in esclusiva per l'Italia presso l'Azienda Agricola Rizzi di Viarolo (Parma), 200 ettari tra prato stabile e colture foraggere per nutrire circa cinquecento vacche, il cui latte è destinato alla produzione del Parmigiano Reggiano.

"L'azienda ha sempre usato trattori Massey Ferguson e dopo aver provato questo MF 6S.135 stiamo seriamente pensando all'acquisto", ci racconta Federico Cattabiani, giovane trattorista che lavora presso l'Azienda Rizzi. "È un trattore perfetto in un'azienda come la nostra, essendo estremamente maneggevole ma raggiungendo al contempo i 200 cavalli di potenza nella versione top di gamma".



Massey Ferguson MF 6S, un quattro cilindri che sembra un sei

L'MF 6S è nuovo prima di tutto nell'estetica, con il cofano rinnovato e la caratteristica sciabola argentata che contraddistingue tutte le macchine della Serie S di Massey Ferguson. E anche la cabina è stata rinnovata a partire dal colore, grigio classico, fino al nuovo bracciolo multifunzionale, pensato per accedere a tutti i comandi della macchina in modo semplice.

"Equipaggiata con motore Agco Power common rail elettronico, la Serie 6S monta un quattro cilindri da 4,9 litri di cilindrata, unico nel mercato ad erogare una potenza di 200 cavalli", ci spiega Claudio Bogoni, product specialist di Massey Ferguson. "La Serie va dai 135 cavalli del modello MF 6S.135 fino ai 200 cavalli del modello 6S.180 quando si attiva il boost".


MF 6S


Una delle caratteristiche più innovative di questi motori è il gruppo di post trattamento dei gas di scarico All-In-One, con tecnologia esclusiva Massey Ferguson, che rende i motori conformi allo Stage V. Si tratta di un sistema estremamente compatto, alloggiato sul lato destro sotto la cabina e dotato di tubo di scarico estremamente sottile, in linea con il piantone anteriore destro così da massimizzare la visibilità. L'ideale quando si lavora con il caricatore frontale o con attrezzi montati anteriormente, come falciatrici, oppure nelle attività di mantenimento del verde.

Il quattro cilindri, compatto, permette di avere un passo di soli 2,67 metri che aumenta notevolmente la manovrabilità e fa di questo trattore un alleato top con il caricatore frontale, nelle lavorazioni leggere del terreno e nelle operazioni di fienagione. "La funzione Super Eco garantisce velocità elevate, fino a 50 chilometri orari - ove consentito - pur mantenendo il motore a un numero massimo di giri di 1.600, con notevole risparmio di carburante".


Trasmissione e idraulica al top

La Serie MF 6S può essere equipaggiata con due differenti trasmissioni. La Dyna-6, un semi powershift a sei marce sotto carico abbinate a quattro gamme robotizzate, in tutto 24 marce avanti e indietro completamente gestibili senza l'utilizzo della frizione. In alternativa è disponibile la variazione continua, la Dyna-VT, che offre il massimo comfort e una efficienza elevata.

La trasmissione Dyna-VT prevede una completa separazione degli oli tra trasmissione e idraulica. In questo modo anche nel caso di anomalo funzionamento di una attrezzatura l'olio della trasmissione non viene mai contaminato, assicurando performance e longevità.


La Serie MF 6S può essere equipaggiata con due differenti trasmissioni


"L'idraulica dell'MF 6S prevede una base di partenza da 110 litri al minuto in circuito chiuso che può arrivare a 150 litri con la trasmissione Dyna-6 e a 190 litri per la Dyna-VT. Posteriormente ci sono fino a cinque distributori, che possono essere completamente elettronici o meccanici, mentre grazie al sistema Power Beyond viene garantita la mandata continua della pompa idraulica ad un attrezzo posteriore, ideale per avere efficienza e risparmio di energia", sottolinea Bogoni.

Il sollevatore posteriore raggiunge 86-96 quintali di capacità di sollevamento. Mentre l'idraulica ventrale prevede fino a tre distributori, di cui uno dedicato al sollevatore frontale, con capacità di carico fino a 32 quintali, più eventualmente altri due distributori per applicazioni frontali. È disponibile anche la Pto anteriore da mille giri/minuto.


Nuovo look per la cabina dell'MF 6S

Entrando in cabina si nota subito l'ampia superficie vetrata. "Fiore all'occhiello è l'esclusiva leva dell'inversore Power Control che permette di fare inversione ma anche cambiare marcia o velocità, a seconda della trasmissione, semplicemente gestendo la leva", sottolinea Bogoni.

Sulla destra si trova il bracciolo multifunzione, lanciato con il nuovo 8S nel 2020 e caratterizzato da una ergonomia migliorata che consente di gestire il motore, la trasmissione, l'idraulica, ma anche tutte le applicazione di precision farming (guida satellitare, controllo delle sezioni e trasmissione dati).


Rinnovato anche il monitor Datatronic 5 da 9 pollici


Rinnovato anche il monitor Datatronic 5 da 9 pollici, che consente di avere a portata di dito tutti i parametri di motore, trasmissione e idraulica e di gestire l'assale sterzante di un attrezzo in maniera automatica, nonché due attrezzature - anteriore e posteriore - contemporaneamente. La macchina, con la telemetria MF Connect, permette il controllo in tempo reale della stessa e assieme alla gestione dei dati di lavoro rende il nuovo MF 6S Agricoltura 4.0 Ready.

Dal nuovo display è possibile anche settare l'idraulica scegliendo la disposizione dei controlli dei distributori anteriori e posteriori per la massima flessibilità, in risposta alle esigenze dell'operatore.

"Sicuramente il nostro MF 6S è in grado di rispondere al meglio alle richieste delle aziende che vogliono una macchina compatta, ma al contempo flessibile e in grado di scaricare a terra in maniera ottimale la potenza prodotta dal nuovo propulsore a quattro cilindri che arriva fino a 200 cavalli di potenza massima", conclude Bogoni.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: contoterzismo video trattori

Temi caldi: storie