Eima 2021, trend in luce grazie alla statistica

Tante le persone della federazione coinvolte nell'organizzazione della rassegna. In questa seconda intervista abbiamo incontrato Federica Tugnoli dell'Ufficio Statistico

Serena Giulia Pala di Serena Giulia Pala

federica-tugnoli-federunacoma-eima2021.jpg

Federica Tugnoli spiega l'importanza della statistica nel settore
Fonte foto: Agronotizie

Continua il nostro viaggio all'interno del team di FederUnacoma che organizza Eima International 2021, affrontando non poche sfide. Dopo la prima intervista agli ingegneri del Servizio Tecnico, abbiamo posto alcune domande a Federica Tugnoli, responsabile dell'Ufficio Studi e Statistiche della federazione e segretario sia di Assomase sia di Comagarden.

Di cosa si occupa l'Ufficio Statistico di FederUnacoma?
"L'Ufficio Studi e Statistiche è la fonte di dati per la federazione e lavora in maniera orizzontale per le cinque associazioni che la compongono. Inquadrare il settore è fondamentale per supportare le azioni di lobby svolte da FederUnacoma: disporre di informazioni di mercato aggiornate per l'intero comparto o per singoli gruppi merceologici è di importanza strategica per la programmazione nella singola azienda e per conoscere il peso dei settori economici rappresentati nell'economia nazionale".

"Oltre al monitoraggio e all'analisi costante delle variabili utili a interpretare le dinamiche del settore, conduciamo rilevazioni puntuali sui singoli comparti rappresentati per avere informazioni dirette su produzione, vendite, export, ordinativi. In alcuni casi, queste fonti rappresentano gli unici dati disponibili a livello nazionale.
In più, partecipiamo alle commissioni economiche delle federazioni europee Cema e Egmf e dell'alleanza globale Agrievolution. Collaboriamo anche con le associazioni di altri Paesi, promuovendo uno scambio costante di informazioni e ricerche di carattere comune".

Quali indicazioni su Eima 2021 forniscono le statistiche?
"Dietro Eima c'è un grande lavoro di raccolta e analisi di dati, da quelli globali che fotografano la salute del settore nel mondo, nei giorni della fiera, a quelli più capillari che raccontano il dettaglio regionale e la realtà nazionale delle nostre aziende".

"I dati ci aiutano a capire come si orientano le vendite sui singoli mercati, anche quelli più lontani, così da indirizzare le scelte per l'attività di internazionalizzazione, che assume un ruolo basilare ad Eima. Inoltre, durante la kermesse, la collaborazione con l'Ufficio Comunicazione e Immagine si intensifica per rispondere alle richieste dei media".

Federica Tugnoli, responsabile dell'Ufficio Studi e Statistiche di FederUnacoma
Federica Tugnoli, responsabile dell'Ufficio Studi e Statistiche di FederUnacoma

Quali sono i principali trend 2021 riguardanti le macchine per l'agricoltura e il giardinaggio?
"Il nostro settore ha risposto in maniera attiva e proattiva all'emergenza sanitaria, adeguandosi repentinamente alle nuove esigenze e consentendo alle attività agricole di proseguire anche quando tutto era fermo. Nel 2021 si registrano dinamiche fortemente positive che da un lato nascono dal confronto con il semestre nero del 2020, dall'altro mostrano che la crisi ha portato il mondo a riflettere sul rapporto con la Terra, sugli stili di vita e sui modelli per lo sviluppo futuro".

"L'attenzione dei governi per le macchine agricole si è accesa lo scorso anno e, dagli Stati Uniti all'Asia, le principali economie hanno messo in atto programmi a sostegno della meccanizzazione agricola. Anche in Italia strumenti come il credito d'imposta hanno dato una spinta al mercato, nonostante l'incertezza generata dalla pandemia. Basti pensare che ad agosto 2021 le immatricolazioni di trattrici segnavano un +46% rispetto al 2020 e un +24% in confronto al 2019".

"Nonostante questi dati positivi, sull'industria pesano le dinamiche inflazionistiche, le difficoltà nel reperimento delle materie prime e i problemi legati ai trasporti, in primis i noli dei container per le spedizioni oltremare. Tutto ciò provoca rallentamenti nei processi produttivi. Non sappiamo cosa succederà nel 2022, dipenderà dagli approcci strategici delle principali economie e dall'evoluzione delle dinamiche geopolitiche".

Cos'è Eima Green Academy e perché è nata?
"Oltre all'agricoltura, anche il settore del giardinaggio sta vivendo una nuova consapevolezza. Il lockdown ha risvegliato il desiderio di tutti di vivere di più e meglio gli spazi verdi, determinando una crescita delle vendite di macchine per il gardening del 33,7% nel primo semestre 2021".

"Oggi le attrezzature da giardinaggio sono tecnologicamente avanzate e rispettose dell'ambiente, ma devono essere usate sempre con la dovuta attenzione e preparazione. Gli operatori del settore e gli hobbisti devono poter utilizzare le macchine nel modo giusto, ma anche saper riconoscere le attrezzature conformi alle norme ambientali e di sicurezza in fase di acquisto".

"Per diffondere la cultura della meccanica per il verde è nata Eima Green Academy che permette agli operatori più esperti di confrontarsi con i costruttori e agli hobbisti di acquisire maggiore consapevolezza degli attrezzi. Ad Eima 2021, organizzeremo un workshop formativo sulle tecnologie per il verde dal titolo 'Curare e manutenere aree verdi, parchi e giardini - le principali attrezzature e la normativa di riferimento' che si terrà il 20 e il 21 ottobre, dalle 9:00 alle 12:00, in Sala Green Academy".

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: eima fiere mercati interviste macchine agricole giardinaggio banche dati

Temi caldi: Eima International 2021

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 266.119 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner