ADR Service, dalla progettazione al campo

L'esperienza e il know how di ADR e una gestione capillare del servizio post vendita, al servizio dei clienti

Contenuto promosso da A.D.R.
Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

adrserviceapertura1.jpg

ADR Service, un passo avanti
Fonte foto: ADR Group

Il nuovo regolamento europeo 167/2013 noto come Mother Regulation per le macchine agricole è espressione di un crescente bisogno di professionalità.

Il superamento delle normative nazionali avrà come risultato la valorizzazione di quelle aziende che, come ADR, operano da decenni nel mercato globale.
Anche se ogni Paese della comunità europea sarà libero di non recepire il nuovo regolamento, tuttavia le prescrizioni in esso contenute saranno un forte incentivo al progresso tecnologico del settore.

Il confronto con le realtà industriali dei Paesi emergenti darà sempre maggiore risalto alla capacità di innovare e di arricchire di contenuti i prodotti del mondo occidentale.
In linea con questa tendenza e indipendentemente dalle decisioni che i governi dei Paesi membri vorranno prendere, il Gruppo Adr riserva, già da qualche anno, ingenti risorse alla ricerca e sperimentazione di prodotti innovativi e alla gestione capillare del service.
 

 
Le attività di ricerca e sviluppo e di assistenza tecnica sono strettamente legate perché l’esperienza in campo è la migliore scuola per i tecnici.
Gli uomini impegnati in questo progetto ambizioso sono tutti connessi alla casa madre: il feedback che viene dal campo è fondamentale per lo sviluppo dei nuovi prodotti.

ADR, l'esperienza sul campo
Gli esempi nella gamma di prodotti ADR sono molti: gli assi sterzanti, i freni di ultima generazione, le sospensioni oleodinamiche, la nuova gamma Teknoax.
L’idea parte dall’Ufficio Tecnico, ma sono la funzione e l’utilizzo che ne definiscono le caratteristiche: Darwin applicato all’ingegneria.
 

 
Le settimane spese in pista e in campo per ottimizzare il comportamento dei Dual Mode, i tanti chilometri macinati dal potente Deutz Fahr in dotazione alla sezione ricerca e sviluppo della fabbrica ADR di Uboldo hanno fatto della semplicità di guida e della sicurezza di marcia le doti principali dei rimorchi equipaggiati con assi sterzanti high tech.

Per ADR anche l’autosterzante non è mai un asse passivo; il risultato di tante prove ha guidato la scelta di ogni componente per realizzare un comportamento intelligente in funzione della distribuzione delle masse del veicolo, dell’assetto delle sospensioni e del tipo di pneumatico. Un ulteriore affinamento si è poi reso necessario negli ultimi anni per adeguare la sensibilità degli assi all’aumentata velocità dei mezzi agricoli per i quali, dal primo gennaio 2016, la Mother Regulation ha sdoganato la velocità massima di 60 chilometri orari e ADR è già pronta.

I ragazzi che curano la preparazione dei veicoli presso i clienti o nei centri prove durante i test di omologazione sono come i meccanici in un pit stop di Formula 1. Ad ADR ne bastano generalmente due, gli stessi che settimane prima hanno stressato le meccaniche sui banchi del centro sperimentale ADR per verificarne, in applicazione specifica, le caratteristiche.
 

 
La nuova gamma dei freni a tamburo ad alto rendimento, tutti con camma a S, con altissima resistenza al fading, equipaggiati con ABS e leve di comando autoregistranti, si è affermata sul mercato anche grazie a questi tecnici. La loro professionalità contribuisce a fidelizzare la clientela consapevole di trovare in ADR un partner competente e non semplicemente un fornitore.
Tutte carte vincenti nel confronto con i prodotti proposti dai Paesi di recente industrializzazione.
 
Sempre per facilitare l'utilizzatore che si interfaccia quotidianamente con l’oleodinamica ma chiede semplicità, il know how ADR ha tradotto la funzionalità delle sospensioni oleodinamiche a un semplice "plug-in".
Siano esse a comando diretto o a gestione elettronica, la sola operazione richiesta all’utente è collegarle e attivarle.

La competenza supportata dall’esperienza rende facili anche le cose più complesse. Anche qui il fattore umano è fondamentale, unito al fatto che il costruttore prima e l’utilizzatore poi non vengono mai lasciati soli.
L’installazione di un gruppo di sospensione su una nuova macchina, infatti, è seguita dallo staff ADR fin dalle prime fasi del progetto e la collaborazione continua nei test in campo.
 

 
E da ultimo l’high tech del terzo millennio: Teknoax, l’asse che non c’era.
Da un’idea semplice come un tubo modellato a caldo è nata una gamma di prodotti che assommano tutto il know how del gruppo ADR. Teknoax è l’asse ottimizzato per eccellenza: massimo rapporto tra prestazione e massa, massima rigidezza di struttura, massima affidabilità meccanica, massima modularità nella combinazione con i gruppi di sospensione e i freni ADR di ultima generazione, massima semplicità di manutenzione anche grazie all’innovativa soluzione RFID integrata nella costruzione.

L'RFID rappresenta una carta d’identità sempre leggibile con un’app dello smartphone che mette a disposizione i dati necessari a programmare un intervento del service o anche semplicemente per individuare sul web un componente da ordinare on line dal catalogo ricambi interattivo. Qui, è possibile trovare anche l’indicazione della famiglia "ADR Original Kit" che a quel componente è correlata per restituire alla macchina l’originale funzionalità e attivare la garanzia.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.629 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner