Fella balla da sola

Fella-Werke GmbH introduce nuove strategie distributive in Italia dopo la separazione da Gallignani

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

fella-nuova-falciatrice-agritechnica-2009.jpg

Fella-Werke GmbH si muoverà da sola sul mercato italiano

Non sempre ai bivi della vita si prende la stessa strada dei propri compagni di viaggio. Dopo la separazione dello scorso luglio da Gallignani, Fella-Werke GmbH rafforzerà quindi la presenza come marchio in Italia e dal 1° settembre 2010 andrà direttamente sulla distribuzione a livello nazionale attraverso i propri dealer.
L’Italia è e rimane uno dei mercati più importanti per Fella - sostiene Stefan Sprock, Export Manager di Fella-Werke GmbH - Attualmente vediamo in Italia opportunità di vendita che fino ad
oggi non sono state pienamente sfruttate. Ci siamo decisi a intensificare e potenziare la distribuzione delle nostre macchine dedicate alla fienagione proprio in considerazione della crescente importanza di questo mercato
.”
Come la casa madre Laverda, l’azienda italiana che produce mietitrebbie e che detiene il 100% del pacchetto azionario della società tedesca, Fella intende concentrarsi sulle proprie competenze specialistiche anche per il mercato italiano.
Seguiremo il mercato in modo ancora più diretto per poter offrire prodotti da fienagione ottimizzati per le regioni italiane - puntualizza Massimiliano Martinelli, Country Manager Fella per l’Italia - Fella-Werke GmbH, grazie alla sua casa madre Laverda, a sua volta partecipata al 50% dalla corporation americana AGCO e al 50% dal gruppo italiano ARGO, guarda con ottimismo allo sviluppo futuro del mercato per le sue falciatrici, per i suoi ranghinatori e per i suoi spandi-voltafieno in Italia".

La libera concorrenza e il libero mercato ringraziano.

 

Fonte: Laverda

Autore: D S

Tag: macchine agricole

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.674 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner