Vino, gli italiani apprezzano i bianchi e le Doc

Crescono le preferenze per i vini bianchi e Doc, i regionali e gli spumanti. In grande ascesa il Prosecco, mentre i più venduti rimangono il Chianti, il Lambrusco e il Montepulciano

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

vino-rosso-bicchiere-bottiglia-by-igor-klimov-fotolia-750x536.jpeg

In forte crescita i vini bianchi, ma i più venduti rimangono i tradizionali rossi
Fonte foto: © Igor Klimov - Fotolia

L'istituto di ricerca IRI ha condotto una ricerca elaborata al Vinitaly sui consumi di vino nella grande distribuzione nel 2017. Secondo i dati della ricerca, gli italiani nel corso dell'anno scorso hanno acquistato 648 milioni di litri nella Gdo, il canale di vendita principale del vino, per un controvalore di quasi 2 miliardi di euro, compresi i volumi d'affari proveniente dai discount.

Gli italiani preferiscono i vini bianchi fermi, i vini regionali, gli spumanti secchi e le Doc. I rossi più apprezzati provengono da Toscana, Piemonte ed Emilia Romagna, mentre per i bianchi le maggiori preferenze sono sui vini veneti, trentini e siciliani. I campioni assoluti di vendita, per quanto riguarda i vini, rimangono il Lambrusco, il Chianti e il Montepulciano, mentre continua senza sosta il trend positivo del Prosecco. Le bottiglie da 0,75l a denominazione d'origine sono cresciute nel 2017, rispetto all'anno precedente con 280 milioni di litri venduti.

Crescita del 5% per gli spumanti, mentre i rosati frizzanti aumentano in vendita del 3,9%. Continua il trend negativo dei bottiglioni da 2 litri, mentre i brick registrano una flessione dello 0,6%. Bene il formato "bag in box", che mette a segno una crescita del 5,4%.

"I consumatori mostrano di apprezzare le novità, accogliendo favorevolmente le proposte delle cantine - sottolinea Virgilio Romano, business insight director di IRI, coordinatore della ricerca - i vini a denominazione d'origine vendono 5,5 milioni di litri in più rispetto al 2017, così come crescono bollicine e vini bianchi, inoltre aumentano le tipologie regionali che si fanno apprezzare ogni anno per i tassi di crescita. I vini emergenti si fanno apprezzare per posizionamenti di prezzo non bassi e questo è un aspetto positivo perchè dimostra la disponibilità del consumatore a premiare novità e valore".

"La grande distribuzione organizzata si mantiene un canale di vendita molto importante per il mercato italiano - commenta Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere - capace di far emergere nuovi vini e territori e di assecondare nel tempo la richiesta di prodotti di maggiore qualità anche per il consumo quotidiano. Un'evoluzione che Vinitaly sta seguendo negli anni diventando il luogo di analisi e confronto tra gdo e settore enologico, e sopratutto proponendo alle cantine espositrici incontri B2B con i buyer delle insegne della distribuzione organizzata".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 253.968 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner