Cesena Fiera, bilancio 2016 molto positivo

Cresce del 21% il fatturato, utile a 150mila euro, forte espansione delle manifestazioni fieristiche come il Macfrut. Rinnovato il Cda, confermato alla presidenza Renzo Piraccini

Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

renzo-piraccini-presidente-cesena-fiera-macfrut-2015.jpg

Renzo Piraccini, riconfermato presidente di Cesena Fiera
Fonte foto: © Cesena Fiera

Cesena Fiera chiude il 2016 con dati molto positivi se guardati anche all'interno del panorama fieristico nazionale in sofferenza. Il fatturato tocca i 4,7 milioni di euro, con un +21% rispetto al 2015, parallelamente alla ristrutturazione dei padiglioni del quartiere fieristico, oltre all'avvio del percorso di privatizzazione della società.
A questo, molto importante, si aggiunge la crescita delle rassegne fieristiche, in particolare il Macfrut, evento di punta sul settore ortofrutticolo sempre più importante a livello internazionale.

Nel corso dell'assemblea dei soci, dopo la presentazione dei dati di bilancio, è poi stato nominato il nuovo Consiglio d'amministrazione, con Renzo Piraccini riconfermato presidente per i prossimi tre anni, oltre a Ilenio Bastoni (direttore generale Apofruit), Roberto Graziani (titolare Graziani packaging), Catia Guerrini (imprenditrice), Patrizio Neri (presidente Consorzio Jingold), Lorenzo Tersi (consulente agroalimentare) ed Enrico Turoni (presidente Consorzio Cermac).

"Ringrazio i soci della fiducia - ha commentato Piraccini - sono convinto che attraverso un buon gioco di squadra con i colleghi consiglieri saremo in grado di valorizzare tutte le potenzialità della società, sviluppando sia l'anima globale che quella locale".

Andando ad analizzare nel dettaglio la situazione di Cesena Fiera, il fatturato, come detto in crescita del 21%, ha reso possibile un utile di circa 150mila euro, grazie in particolare al rilancio e alla buona riuscita di Macfrut. Dal punto di vista degli investimenti, è stato completato il progetto di restyling che ha visto un investimento complessivo, totalmente autofinanziato, di circa 3,7 milioni di euro, con l'obiettivo di accrescere la funzionalità della struttura fieristica, oltre che l'estetica. Sono stati riqualificati tutta l'area esterna, i padiglioni A e C, la Sala Malatesta e la hall del Centro congressi.

Sul fronte delle novità per le manifestazioni, nel 2016 è nata la Città del gusto della Romagna, gestita dal network specializzato in enogastronomia del Gambero Rosso, oltre a due nuove iniziative come "Sono romagnolo" e "Wellness food festival".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 191.479 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner