Pac, dalla Lombardia 96 milioni a oltre 27mila aziende

E' in fase di pagamento un'ampia fetta di risorse legate alla Domanda unica, mentre rimangono bloccati ancora 23 milioni a causa di controlli su alcune imprese agricole

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

banconote-soldi-by-m-schuppich-fotolia-750.jpeg

96 milioni di euro Pac in fase di erogazione in Lombardia
Fonte foto: © M Schuppich - Fotolia

L’Organismo pagatore regionale (Opr) della Lombardia ha autorizzato pagamenti relativi alla Domanda unica 2015 per un totale di 96 milioni di euro, destinati a 27368 aziende. Lo riferisce l’assessore regionale all’Agricoltura Gianni Fava, che precisa come “i pagamenti saranno liquidati la prossima settimana”.

Ci sono poi 23 milioni di euro in ballo per 2800 aziende - continua Fava – attualmente bloccati perché riguardano aziende sottoposte a controllo in loco, aziende con blocchi derivanti da provvedimenti vari, aziende con anomalie sui titoli, aziende con il problema delle ecological focus area lineari, per le quali il calcolo del premio è ancora in fase di perfezionamento”.

Fino al 15 ottobre prossimo non si potrà parlare di ritardo nei pagamenti – commenta Fava sul posticipo della scadenza voluto da Bruxelles – sicuramente per gli agricoltori lombardi la situazione appare insolita, per il fatto che le imprese agricole lombarde davano per scontato ricevere i fondi della Pac entro il mese di luglio dell’anno precedente al saldo, grazie all’anticipo dei fondi Pac per il 70% o addirittura per il 90% nelle aree colpite dal sisma 2012. Tutto questo grazie a risorse anticipate dalla Regione Lombardia”.

Fava spiega infine i motivi per cui non è stato possibile procedere al pagamento. “Il motivo va ricercato nel fatto che con la nuova Pac sono cambiati totalmente i valori dei titoli, con l'introduzione di pagamenti e dunque titoli a comparti esclusi dalle erogazioni, come ad esempio i vigneti. Non dobbiamo poi dimenticarci del greening, altra novità assoluta della riforma approvata sotto il commissario europeo Ciolos, ma che scontava il fatto di non aver mai avuto una quantificazione”.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.481 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner