Enovitis in campo 2016, assegnati i premi all'innovazione

Concorso Innovation Challenge: conferiti due “Technological Innovation Award” e sette “New Technology”. Particolare attenzione agli aspetti di sostenibilità e sicurezza

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

enovitis-in-campo-2016-palmares-premi-innovazione.jpg

Enovitis in Campo edizione 2015
Fonte foto: Agronotizie

La premiazione ufficiale durante la quale verranno consegnati i nove riconoscimenti interni al concorso Innovation Challenge, avrà luogo nella prima giornata della manifestazione Enovitis in campo che si terrà il 17 e 18 giugno a Corato, Puglia, presso l'azienda Torrevento.

Il concorso ha voluto premiarele migliori innovazioni tecnologiche capaci di valorizzare, soprattutto, gli aspetti della sostenibilità ambientale, etico-sociale ed economica della filiera vitivinicola. Innovazioni che saranno presentate alla prossima edizione della manifestazione targata Uiv e Veronafiere.

I premi sono stati assegnati lo scorso 5 maggio a Milano, presso la sede di Unione italiana vini, dal Comitato tecnico-scientifico presieduto da Osvaldo Failla dell'Università di Milano, supportato dai vicepresidenti Valeria Fasoli, di Donne della vite e Gianvito Masi di Crea-Utv di Turi.
Sono parte del comitato anche rappresentanti della comunità scientifica quali Paolo Balsari dell'Università di Torino, Stefano Pedò di Fondazione E. Mach, Domenico Pessina dell'Università di Milano, Diego Tomasi del Crea-Vit di Conegliano, Giovanbattista Tornielli dell'Università di Verona e Marco Vieri dell'Università di Firenze. Compongono, infine, la giuria del premio, Luciana Biondo, Carlo De Biasi, Gabriele Posenato, Nicola Scarano e Loris Vazzoler, tecnici di alcune prestigiose aziende vitivinicole italiane.
 
"Technological Innovation Award"
Le due menzioni “Technological Innovation Award” sono state assegnate a Caffini Spa per la diserbatrice ad acqua Attila e a Pellenc Italia per le forbici per potatura Vinion e Prunion con controllo elettronico dello sforzo e della sicurezza.

Con tale scelta il Comitato ha voluto sottolineare l’importanza dell'innovazione, dell’impatto ambientale e della sicurezza dell’operatore.
 
Diserbatrice ad acqua Attila di Caffini Spa

La diserbatrice Attila di Caffini impiega un innovativo sistema non chimico per la distruzione delle erbe infestanti nelle interfila di vigneti e frutteti.
Composta da una pompa a pistoni ad alta pressione - 1000 bar -, da un serbatoio d'acqua e da una una testa rotante azionata da un motore idraulico, dispone di ugelli collocati in posizione verticale che erogano acqua ad altissima pressione ad azione diserbante. L’elevata pressione distrugge le infestanti eliminando anche l’apparato radicale.
Test sperimentali eseguiti negli ultimi tre anni su vigneto inerbito evidenziano che due applicazioni all'anno sono sufficienti al controllo delle infestanti nel sottofila.
 
Forbici per potatura Vinion di Pellenc Italia

Mezzo fondamentale per la potatura in vigneto, le potatrici elettroniche Vinion e Prunion di Pellenc coniugano leggerezza (pesano rispettivamente 700 e 900 grammi), efficienza nell’esecuzione del taglio (fino a 45 millimetri, con un passaggio rapido dall’apertura parziale a quella totale) e autonomia operativa (la durata dichiarata della batteria è fino a quasi 12 ore di utilizzo continuo).
Una serie di dispositivi elettronici, di cui alcuni innovativi come il grilletto ottico che capta la posizione del dito, consentono di rendere il lavoro più spedito e sicuro. La possibilità di alimentare le forbici con una batteria ad alta capacità, amplia infine la versatilità della potatura, potendo impiegare contestualmente una motosega elettrica.

Riconoscimento “New Technology”
Sono sette le menzioni afferenti a questa categoria che vuole porre in rilievo le innovazioni significative per il miglioramento nei processi di coltivazione della vite.
Piattaforma gestionale Enogis di Ager s.c. e MPA Solutions

Ager s.c. è stata premiata per la piattaforma gestionale Enogis, ideata per la raccolta e gestione dati. Il sistema si basa sulla compilazione di schede di rilevo agronomiche, fitosanitarie, di produzione e di qualità, ottenute dal collegamento tra cartografia catastale, dati storici di campagna e cantina cui si aggiungono i dati raccolti in campo. I rilievi possono essere fatti da smartphone da cui risultano visualizzabili tutte le informazioni sul vigneto. Enogis permette, quindi, ad Ager di aiutare le aziende a utilizzare le tecnologie e le competenze modellistiche di MPA Solutions per facilitare le scelte strategiche ad ogni livello.
 
Atomizzatore Compact T/4 Friuli Sprayers

L’Atomizzatore Compact T/4 Friuli Sprayers, per il trattamento a basso/medio e alto volume mediante tecnica di difesa efficiente e razionale, abbinata alle esigenze di salvaguardia ambientale e di sicurezza dell’operatore, è valso il premio ad Agricolmeccanica Srl.
Studiato per il trattamento simultaneo su quattro pareti di vigneti allevati a spalliera, frutteti e uliveti, dispone di diffusori superiori con inclinazione regolata dal sollevamento idraulico per formare un angolo tale da irrorare, anche in presenza di vento, evitando il fenomeno di deriva. 
 
Testata scavallante ROB 3 di Cima Spa

Di Cima Spa è stata premiata la nuova testata scavallante ROB 3, dotata di software di controllo per l’apertura e la chiusura dei bracci e dell’erogazione automatica in base alla larghezza di lavoro precedentemente impostata dall’operatore.
 
 
Agricord di Metallurgica Irpinia Spa

Offre un'alternativa al filo tradizionale, Agricord di Metallurgica Irpinia Spa, trefolo in acciaio ad alto tenore di carbonio con rivestimento in zinco a caldo. Tra i vantaggi tecnici, il carico di rottura superiore e l'allungamento inferiore. Infine, a parità di lunghezza e carico di rottura, Agricord ha un costo inferiore ai fili tradizionali attualmente in commercio.
 
 Rotore PRO di Nobili Spa

Il rotore PRO di Nobili Spa, presenta come caratteristica peculiare i nuovi supporti dentati (in numero doppio rispetto alle mazze) che sorreggono i perni delle mazze e che sono saldati sul tubo rotore seguendo una doppia elica. Questa struttura consente una presa distribuita dei sarmenti di legna e la permanenza degli stessi all'interno della camera di trinciatura fino a completa triturazione. Inoltre, quando nella triturazione di grosse andane o di sarmenti di grossa dimensione, le mazze mobili rinculano, i supporti dentati sopperiscono agendo da coltelli fissi sulla legna. 
 
Sistema ActiDrive di Same Deutz-Fahr montato sulla Serie Frutteto3

Il sistema ActiDrive di Same Deutz-Fahr applicato alla nuova serie Frutteto3 con ponte anteriore sospeso, si è distinto per la capacità di controllare contemporaneamente due funzioni: l’inserimento automatico del differenziale anteriore per garantire trazione anche in caso di perdita di aderenza da parte di una delle ruote, e la regolazione automatica dello smorzamento delle oscillazioni sull’assale anteriore per garantire un elevato comfort alla guida.
 
Software con tecnologia cloud DSS Blueleaf di Sysman Progetti & Servizi Srl

Sysman Progetti & Servizi Srl, infine, ha ricevuto il premio per il software di supporto alle decisioni aziendali sviluppato con tecnologia cloud DSS Blueleaf.
Con specificità web service, il sistema, il cui aspetto innovativo riguarda l'adozione di un framework di sviluppo per la realizzazione rapida di applicazioni server e client in tecnologia cloud e web/mobile multidevice e multicanale, può integrare sorgenti di dati eterogenee provenienti sia da hardware quali stazioni meteo o sensori suolo pianta, che da database esterni, ad esempio, le previsioni meteo.
Inoltre, il sistema elabora modelli matematici e algoritmi decisionali, si interfaccia con dispositivi informatici di vario tipo e consente di acquisire in modo automatico e continuo i dati di campo, di elaborare i calcoli del bilancio idrico per ciascun lotto irriguo secondo lo standard FAO56 (modificato), di visualizzare e gestire informazioni attraverso apposite applicazioni web-app e, infine, di controllare da remoto l’attuazione dell’impianto irriguo. 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 196.844 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner