Gargano: “Salvaguardia idrogeologica deve essere priorità condivisa”

Il presidente Anbi ribadisce: "E' l'invito rivolto al Paese che arriva dagli dagli Stati generali della Green economy"

Questo articolo è stato pubblicato oltre 6 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

massimo-gargano-presidente-anbi-assemblea-nazionale-roma-lug2013.jpg

Massimo Gargano, presidente Anbi

Porre il tema della difesa idrogeologica all’interno degli Stati generali della Green economy, testimonia una nuova consapevolezza, che inserisce la manutenzione del territorio tra i fattori di competitività per un nuovo modello di sviluppo dell'Italia”. E’ questo il commento  di Massimo Gargano, presidente Anbi, Associazione nazionale bonifiche e irrigazioni, all’evento in corso a Rimini.

L’invito del ministro dell’Ambiente, Andrea Orlando, ad un patto tra soggetti sociali ed economici, affinchè la salvaguardia idrogeologica diventi mainstream per tutta la politica, a prescindere dalle alternanze di Governo – prosegue Gargano - chiama il Paese reale ad un ruolo attivo in adesione a quel principio di sussidiarietà, di cui i Consorzi di bonifica sono espressione concreta. Ci conforta la chiarezza, con cui il ministro ha chiesto che il tema della tutela idrogeologica non venga relegato alle mere competenze degli enti a ciò preposti, ma divenga patrimonio comune della società. Le scelte politiche, infatti – conclude il presidente Anbi - sono frutto anche della consapevolezza sociale”.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 217.686 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner