Associazione mantovana allevatori, eletto il nuovo consiglio

Il presidente Alberto Gandolfi: "Sono convinto che dopo di me avremo un altro presidente all'altezza delle sfide che il mondo dell'allevamento dovrà affrontare"

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

bovini-mucche-vacche-allevamento-by-wolfavni-fotolia-750.jpeg

L'Associazione mantovana allevatori ha anche previsto delle visite alle principali rassegne zootecniche ed agli allevamenti più all'avanguardia
Fonte foto: © wolfavni - Fotolia

Eletto il nuovo consiglio dell’Associazione mantovana allevatori durante un’assemblea degli iscritti del 22 marzo 2016, tenutasi nella sede di Tripoli San Giorgio. I nuovi consiglieri sono: Fabio Baldini, Diego Belletti, Alessandro Capuci, Claudio Casareggio, Roberto Chizzoni, Silvano Cobelli, Lorenzo Donà, Davide Errera, Giuseppe Freretti, Stefano Gandolfi, Lauro Ghelli, Claudio Grazioli, Fabio Mantovani, Kristian Minelli, Thomas Ronconi, Mauro Tirelli, Andrea Tosi, Nicola Valenza.

Invece, il presidente ed il vicepresidente, saranno nominati nel corso del primo consiglio che è in programma dopo Pasqua e resteranno in carica per tre anni.

“C’è un nuovo consiglio direttivo, con il 25% di presenze nuove, significativo del ricambio a livello amministrativo” commenta il presidente Alberto Gandolfi. “Io ho concluso un’esperienza che ritengo positiva, dopo vent’anni da consigliere e sei anni alla guida della più importante Apa d’Italia. Lascio per altri impegni”.

“Ho fatto tutto il possibile e ho dato tutto quello che si poteva dare; ho sempre operato per la crescita dell’associazione - prosegue Gandolfi - lasciando un’eredità di sei bilanci chiusi sempre in attivo, con risorse accantonate per aiutare ad affrontare ulteriori criticità che potrebbero affacciarsi nel mondo zootecnico e con nuovi servizi avviati, ma anche con un numero superiore di associati e di animali controllati ed iscritti al Libro genealogico”.

Nessuna anticipazione sul successore. “Sono assolutamente convinto - assicura Gandolfi - che dopo di me avremo un altro presidente all’altezza delle sfide che il mondo dell’allevamento dovrà affrontare”.

Fra i nuovi servizi per gli allevatori concretizzati nel secondo mandato di Alberto Gandolfi, la creazione della Banca dati del Dna a livello provinciale, per conoscere e valorizzare un percorso verso il miglioramento genetico dei bovini da latte; il rafforzamento delle mostre bovine della Millenaria e del Bovimac; il coinvolgimento dei giovani allevatori, ma anche degli studenti degli istituti agrari del territorio ed all’Università di Parma, realtà con le quali l’Assoallevatori di Mantova ha stipulato convenzioni operative per scambi di formazione e di crescita, ma anche le iniziative rivolte ai giovanissimi, come forma di educazione verso l’agricoltura e la zootecnia.

Inoltre nell’ultimo triennio, sono stati rafforzati gli aspetti legati alla salute ed al benessere animale, consapevoli che la sfida della competitività delle stalle passa anche da tali aspetti. Su questi elementi è stato realizzato un progetto di ricerca sui soggetti immuni-tolleranti alla Bvd e sono stati organizzati numerosi corsi di formazione per la fecondazione artificiale, seguiti da un centinaio di giovani.

Fra i primi in Italia, sono stati messi a disposizione degli associati servizi innovativi per la lotta alla piralide del mais, attraverso droni che hanno riscontrato un interesse sempre maggiore.

L’Associazione mantovana allevatori ha rafforzato anche la missione internazionale, con visite alle più importanti rassegne zootecniche ed agli allevamenti più all’avanguardia.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 188.793 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner