Antibiotici: "Quando necessario, quanto basta"

Rappresentanti del mondo scientifico, della filiera sanitaria e alimentare si sono confrontati all'evento organizzato da Confagricoltura e Aisa per definire le azioni prioritarie a raggiungere un uso razionale di queste sostanze

Questo articolo è stato pubblicato oltre 7 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

bovini-mucche-mucca-vitelli-agl-photoproductions-fotolia-750x500.jpg

Fonte foto: © agl-photoproductions - Fotolia

Sensibilizzare la filiera sanitaria e alimentare a rendere sempre più efficiente l’utilizzo degli antibiotici, continuando comunque a garantire il benessere animale, la salubrità degli alimenti e la tutela del consumatore finale. Questo l'obiettivo dell’incontro tenutosi a Roma “Utilizzare razionalmente gli antibiotici”, promosso da Aisa, Associazione nazionale imprese salute animale, e da Confagricoltura.

Le due associazioni, sensibili dell’importanza di contrastare il fenomeno dell’antibiotico resistenza, hanno organizzato questa iniziativa che ha coinvolto gli attori delle principali categorie della filiera zootecnica (industria mangimistica, allevatori, industria alimentare, veterinari, medici, farmacologi) nonché le associazioni dei consumatori.

Tra i partecipanti dieci esperti della problematica, in rappresentanza del mondo scientifico, delle diverse voci della filiera sanitaria e alimentare. Aisa e Confagricoltura sono state le coordinatrici del gruppo di lavoro che ha cercato di individuare soluzioni e strategie efficaci, singole o congiunte, da attuare per fronteggiare il fenomeno dell’antibiotico resistenza e definire le azioni prioritarie che la filiera dovrebbe valutare per raggiungere il risultato auspicato: l’uso razionale ed efficiente degli antibiotici secondo il principio “quando necessario, quanto basta”.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 265.611 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner