Latte ovino, rottura delle trattative in Lazio

A rischio migliaia di imprese, Coldiretti e pastori pronti alla mobilitazione

Questo articolo è stato pubblicato oltre 8 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

mattia-gargano-coldiretti-lazio.jpg

Mattia Gargano, presidente di Coldiretti Lazio

A causa della rottura delle trattative per il nuovo prezzo, i vertici di Coldiretti Lazio lanciano il grido d'allarme per la salvaguardia del comparto e non escludono proteste anche eclatanti.

"Dopo il nulla di fatto registrato nell'incontro di ieri pomeriggio in Regione, purtroppo, siamo costretti a riaprire lo stato di crisi – ha detto il presidente della Coldiretti regionale, Massimo GarganoNei mesi scorsi si erano incontrate più volte le rappresentanze delle organizzazioni agricole regionali, quelle degli industriali e i responsabili dell'assessorato regionale all'Agricoltura. Durante l'ultimo dei cinque incontri sembrava si fosse trovata l'intesa per raggiungere e sottoscrivere un accordo che, oltre a incrementare il prezzo, potesse prevedere ragionamenti legati alla qualità del latte, premiando così i sacrifici dei pastori che da anni hanno scommesso sulla tracciabilità e l'innalzamento dei valori qualitativi del loro prodotto".

In particolare, le richieste di Coldiretti mirano ad ottenere 95 centesimi di euro a litro conferito contro i circa 70 di oggi. "Il tavolo di filiera – ha spiegato Gargano – aveva presentato agli industriali un programma di sostegno e di rilancio dell'intero comparto con risorse importanti. La trattativa però, nonostante l'impegno dell'assessore regionale alle Politiche agricole, Angela Birindelli, che aveva individuato le risorse da destinare al settore, è miseramente naufragata".

"Il tavolo di ieri – ha commentato con rammarico Aldo Mattia, direttore regionale Coldiretti Lazio – era il risultato di oltre due mesi di trattative nelle quali sembrava si fossero fatti passi avanti per il raggiungimento di un accordo che soddisfacesse le parti. L'assessorato con responsabilità, pragmatismo e tempestività, aveva confermato la volontà di mettere a disposizione risorse ingenti per tutti gli attori della filiera".

"Il passo indietro della parte industriale è davvero inspiegabile e clamoroso – ha detto ancora Gargano – ha fatto bene l'assessore Birindelli a chiudere l'incontro dopo aver registrato la chiusura degli industriali nonostante le aperture concrete da parte delle organizzazioni a rivedere alcuni dei punti chiave dell'accordo".

La situazione per i pastori è insostenibile, denuncia la Coldiretti, e rischia di decimare gli allevamenti sopravvissuti che svolgono un ruolo insostituibile per l'economia, il turismo, l'ambiente e la stabilità sociale del territorio. Secondo i dati dell'organizzazione, nel Lazio è scomparso quasi un gregge di pecore su tre negli ultimi dieci anni e sugli allevamenti sopravvissuti ci sono molte preoccupazioni per il futuro. Dalla mungitura quotidiana di una pecora si ottiene in media un litro di latte che viene pagato ben al di sotto dei costi di allevamento.

Coldiretti fa sapere di essere pronta alla mobilitazione per evitare l'estinzione delle pecore e per difendere i formaggi laziali a partire dal pecorino romano.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.718 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner