Cereali e soia, mercati in flessione

I dati Anas per le nuove previsioni per i raccolti mondiali 2010/2011. In calo la produzione di frumento tenero, orzo e soia. Stabile solo il mais

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

orzo_300.jpg

Raccolti di orzo stabili secondo le previsioni dell'Anas

L'Anas, Associazione nazionale allevatori suini, rende noto l'aggiornamento di febbraio sulle previsioni per i raccolti mondiali riferiti all'anno 2010/2011.

Per il frumento tenero le previsioni a livello mondiale confermano una contrazione produttiva del 5,5% rispetto alla precedente annata agraria. Alla lista dei Paesi in cui si registreranno flessioni nella produzione di frumento tenero (principalmente Canada, Russia, Ucraina, Kazakhstan ed Unione Europea) si aggiungono anche gli Stati Uniti (-0,5%). Confermato il calo della produzione cinese (-0,5%) e l'incremento produttivo di Argentina ed Australia, che insieme rappresentano il 5% circa dell'intera produzione mondiale di frumento.

Per quanto riguarda il mais, la produzione mondiale di mais dovrebbe mantenersi stabile rispetto alla precedente annata agraria (+0,3%): l'aumento della produzione cinese (+6,3%), dovrebbe compensare il calo stimato negli Stati Uniti (-4,9%), in Argentina (-12,3%), in Brasile (-9,1%), in Sud Africa (-6,7%) e nell'Unione Europea (- 4,6%).

Secondo le nuove previsioni, i raccolti mondiali di orzo saranno in flessione del 16,6%. La contrazione produttiva interesserà tutti i Paesi maggiori produttori a livello mondiale, fatta eccezione per l'Australia dove la produzione dovrebbe aumentare del 24,1% rispetto alla precedente annata agraria.

Per la soia infine è previsto un calo a livello mondiale dell'1,5%, con flessioni produttive in Argentina, Stati Uniti e Cina. Dovrebbe aumentare la produzione del Brasile (+2,2%; il Paese rappresenta il 28% circa dell'intera produzione mondiale) e dell'India (+6,7%).

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 221.690 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner