L'orzo nell'economia agricola pugliese

Si è tenuta il 29 maggio una giornata di studio organizzata dai Georgofili della sezione Sud-Est

Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

orzo_300.jpg

Georgofili: giornata di studio sull'orzo

Tutti i protagonisti della filiera dell'orzo nel Salento hanno partecipato a una giornata di studio organizzata sabato 29 maggio dai Georgofili della sezione Sud-Est, per valutare sul piano tecnico-economico la ripresa di questa coltura, anche grazie all'apporto scientifico e tecnologico delle Università pugliesi, alla luce delle attuali esigenze dell'industria alimentare. Hanno presentato le relazioni il professor Stanca dell'Università di Modena e Reggio Emilia, il professor De Mastro dell'Università di Bari e la dottoressa Accogli, ricercatrice dell'Università del Salento.

Nell'ambito delle colture cerealicole, l'orzo ha sempre avuto un ruolo rilevante nell'alimentazione. Per antica tradizione, è stato utilizzato come sfarinato in miscela con il frumento nella panificazione e nella pastificazione, oppure come orzo perlato per zuppe e minestre, o tostato per il caffè. Di recente è oggetto di attenzione per le sue peculiarità nutrizionali, quali l'alto livello di fibra solubile e la presenza di sostanze ad attività antiossidante.

L'orzo è una specie che rientra nella cerealicoltura del futuro per la sua potenzialità produttiva, per la stabilità delle produzioni, per la destinazione d'uso e per la peculiarità dei componenti della granella che lo rendono costituente principe per lo sviluppo di alimenti funzionali. Da un punto di vista agronomico, l'orzo permette – se coltivato correttamente – di far vivere bene il terreno e l'ambiente che lo circonda, gli animali e l'uomo.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 261.878 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner