Circular agronomics, martedì l'open day

Presso la Cooperativa agroenergetica territoriale a Correggio (Re), il 30 luglio 2019 si terrà l'open day organizzato dalla Fondazione Crpa. Focus sul digestato microfiltrato in subirrigazione ad alta efficienza d'uso dei nutrienti e sui liquami in sistemi agricoli conservativi

circular-agronomics-fonte-fondazione-crpa.jpg

presso la Cooperativa agroenergetica territoriale, in via Fossa Faiella, 6/a - Correggio (Re)

Circular agronomics è un progetto europeo finanziato dal programma Horizon 2020 che sviluppa e promuove nuove modalità per la gestione sostenibile e circolare dei nutrienti e del carbonio all'interno della filiera agroalimentare.

L'obiettivo è perseguito aumentando l'efficienza delle risorse, il riutilizzo e il recupero dei nutrienti e affrontando nel contempo le problematiche ambientali associate, come le emissioni dei gas serra, di ammoniaca e l'eutrofizzazione dei corpi idrici a causa di un'eccessiva dispersione di nutrienti.
 

Digestato microfiltrato in subirrigazione ad alta efficienza d'uso dei nutrienti

Fondazione Crpa studi ricerche si occupa di due casi di studio nell'area emiliano-romagnola.
Uno verrà illustrato nel corso dell'open day, organizzato dalla fondazione e in programma per il prossimo 30 luglio presso la cooperativa Agroenergetica territoriale in via Fossa Faiella, 6/a a Correggio (Re), e riguarda la tecnologia di microfiltrazione del digestato, che ne permette un utilizzo ottimizzato in fertirrigazione, anche attraverso le ali gocciolanti in subirrigazione.
 
Il programma
Dopo la registrazione, i partecipanti assisteranno all'introduzione al progetto H2020 Circular agronomics e successivamente visiteranno l'impianto di microfiltrazione Saveco-Wamgroup per liquami e digestati.

Il trasferimento al sito sperimentale con la subirrigazione Netafim con acqua e digestato, presso la società agricola R.G.R di San Martino in Rio (Re), concluderà la mattina prima del rientro alla sede Cat.

Scarica la locandina dell'evento e scopri come iscriversi all'evento della mattina
 

Liquami in sistemi agricoli conservativi

Nel pomeriggio, il gruppo operativo per l'Innovazione Riscossa presenta lo stato di avanzamento del progetto sul risparmio e la conservazione dell'azoto nei sistemi agricoli suini. L'obiettivo del Gruppo operativo è diffondere un modello di allevamento suinicolo sostenibile, in senso ambientale ed economico, limitando l'escrezione di azoto attraverso diete a basso tenore proteico integrate con aminoacidi di sintesi e l'utilizzo dei liquami ad alta efficienza d'uso dei nutrienti in sistemi agricoli fondati su pratiche di agricoltura conservativa.

Verrà visitata un'installazione con attrezzatura per la microfiltrazione dei liquami, volta all'ottenimento di una frazione microfiltrata utilizzabile in fertirrigazione, anche attraverso le ali gocciolanti interrate. Successivamente si visiterà il sito di utilizzo della frazione microfiltrata in subirrigazione, coltivato a mais.

Il progetto, coordinato dalla Fondazione Crpa studi ricerche di Reggio Emilia, è realizzato in collaborazione con l'azienda agricola Spaggiari di Zocca (Mo), il Consiglio per la Ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria – Unità di ricerca per la suinicoltura e il centro ricerche produzioni animali - Crpa spa.
 
Il programma
Dalle ore 14.15, le relazioni dei partner, sulla riduzione dell'escrezione di azoto nell'allevamento suino e sull'uso ottimizzato dei liquami in sistemi agricoli conservativi, animeranno il pomeriggio prima della visita all'impianto di microfiltrazione per liquami e digestati.

Successivamente seguirà il trasferimento al sito sperimentale con la subirrigazione di mais con acqua e digestato presso la società agricola R.G.R, a San Martino in Rio (Re).

Scarica la locandina dell'evento e scopri come iscriversi all'evento del pomeriggio

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 191.611 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner