Novità Faresin con una marcia in più

Precisione garantita con gli inediti carri miscelatori PF e Leader PF, dotati dell'innovativo sistema PFM® per la gestione dell'unifeed. Disponibili anche i sollevatori telescopici FR con motori Tier 4 Final

Serena Giulia Pala di Serena Giulia Pala

Info aziende
faresin-leader-pf-226-ecomix.jpg

Faresin Industries Leader PF 2.26 Ecomix
Fonte foto: Agronotizie

Proiettata nel futuro, Faresin Industries ha da poco rinnovato l'intera gamma di carri miscelatori - unificandola sotto la sigla PF (Precision Feeding) per mettere in evidenza la propria attenzione alla nutrizione animale di precisione - e alcuni modelli di sollevatori telescopici.

Le ultime proposte della casa costruttrice fondata a Breganze (Vi) nel 1973 da Sante Faresin sono i carri unifeed trainati PFsemoventi Leader PF, progettati mantenendo alto il focus sul benessere animale, sul contenimento dei costi e sulle esigenze degli allevatori, e i sollevatori telescopici FR01, FR02 e FR04, ora alimentati da nuovi motori Stage IV/Tier 4 Final.

 

PFM®: punto di forza della serie PF

Lanciata ad Agritechnica 2017 e vista per la prima volta in Italia a Fieragricola 2018, la gamma di carri trainati PF - aggiornata nella livrea e nella componentistica - raggiunge nuovi standard nella preparazione della razione animale.
Cuore pulsante dei modelli PF, la cui denominazione indica il numero di coclee e il volume di miscelata (PF 2.20 sarà un bicoclea da 20 metri cubi) è il sistema di supporto intelligente alla gestione dell'unifeed Precision Feeding Measurement PFM®, installato nella vasca di miscelazione e nato dalla collaborazione con la startup italiana ITPhotonics che realizza strumenti spettrometrici.

Il PFM® è una sorta di laboratorio analisi a bordo dei carri che - in fase di miscelata - combina curve di calibrazione, algoritmi di interpretazione, software di gestione con la tecnologia a luce infrarossa per misurare i parametri fisici e nutrizionali degli ingredienti in tempo reale e in continuo (più letture al minuto).
 
Carro unifeed trainato Faresin PF 2.22 a Fieragricola 2018
Carro unifeed trainato Faresin PF 2.22 a Fieragricola 2018

A partire dalle misure del PFM®, Faresin Industries ha brevettato gli indici di omogeneità e di selezione. Il primo indica il momento migliore per arrestare la miscelazione con notevoli risparmi di tempo e carburante, mentre il secondo misura la capacità "negativa" degli animali di selezionare i singoli ingredienti dell'unifeed ottimizzando l'assunzione degli ingredienti ed evitando errori di miscelazione.
Le letture del sistema sono raccolte ed elaborate come dati, che possono essere scambiati mediante la tecnologia Isobus o visualizzati in remoto per il controllo delle attività.

 

Altre innovazioni sui carri trainati di Faresin

L'elevata efficienza di miscelazione è garantita sui modelli PF anche dalla vasca di miscelazione ridisegnata e dalle coclee riprogettate. Frutto del lavoro di sviluppo ingegneristico dell'azienda veneta, la vasca presenta un profilo che crea una circolazione indotta degli alimenti - in senso longitudinale e dal basso verso l'alto - e ne ottimizza i tempi di taglio e di omogeneizzazione.

Integrate nella vasca di miscelazione, le coclee migliorano ulteriormente il livello di uniformità della miscelata grazie alle lame Power Blade e Fast Cleaning, deputate rispettivamente al taglio dei prodotti e alla pulizia del fondo della vasca. Infine, il set di lame Unloading Blade evita fermentazioni indesiderate e garantisce l'uniformità di scarico dell'unifeed.
 
Carro unifeed trainato Faresin PF 2.22?
Carro unifeed trainato Faresin PF 2.22

 

Leader PF, sviluppata per stupire

Esposta anch'essa ad Hannover e Verona, la serie ammiraglia Leader PF di carri miscelatori semoventi con una nuova livrea rappresenta una tra le soluzioni più evolute per l'implementazione della nutrizione di precisione negli allevamenti.
I modelli Leader PF consentono il miglioramento del benessere animale, l'aumento della produzione e la riduzione dei costi avvalendosi anch'essi del sistema PFM® e di dispositivi di carico e miscelazione ottimizzati per garantire agli operatori il rispetto della fibra, l'efficienza di miscelazione, l'uniformità di scarico del prodotto.

La fresa di carico è posta in un vano in acciaio Farnox per assicurarne la protezione dall'usura e dalla corrosione, mentre il canale di carico - piuttosto lungo e largo - permette di affrontare trincee alte evitando danni al prodotto e abbattendo i tempi di carico fino al 50 per cento. Per il bloccaggio automatico della fresa e del nastro di carico è disponibile il sistema Loading Halt, che permette di caricare la quantità esatta degli ingredienti necessari.

Nuovi sui carri semoventi sono anche il mulino, che esegue il taglio della paglia e del fieno prima del carico garantendo una riduzione dei tempi di miscelazione maggiore del 50 per cento in presenza di razioni con foraggi, e il sistema di abbattimento delle polveri o di distribuzione di soluzione antifermentante, munito di un serbatoio posto ventralmente alla macchina.
Come i PF, anche i Leader PF possiedono una vasca di miscelazione dalla geometria interna rinnovata, nonché coclee con una nuova forma e un sistema di taglio composto dai set di lame Power Blade, Fast Cleaning e Unloading Blade.
 
Carro semovente Faresin Leader PF 2.26 Ecomix ad Agritechnica 2017
Carro semovente Faresin Leader PF 2.26 Ecomix ad Agritechnica 2017

 

Motori, trasmissioni e cabina all'avanguardia

Alimentati da motori common rail turbo intercooler conformi al Tier IV Final e capaci di erogare potenze variabili tra i 168 e i 282 cavalli a seconda dei modelli, i carri Leader PF raggiungono velocità pari a 40 chilometri orari.

Inoltre gli ultimi nati in casa Faresin mutuano dalla precedente serie Leader il sistema di miscelazione a variazione di giri, che sfrutta una trasmissione innovativa per disporre di quattro velocità a variazione continua per la fresa e sette velocità per la miscelazione, tutte indipendenti dal regime motore. In alternativa a questa soluzione, è disponibile la trasmissione meccanica con innesto elettroidraulico.

Completa l'equipaggiamento dei Leader PF una cabina completamente nuova, che presenta un ambiente interno pressurizzato, una consolle dei comandi rivista, una leva joystick per il controllo di tutte le funzioni e il PF Control Center. Quest'ultimo prevede la PF Suite, il PF Command, il touch screen PF Monitor da 7 pollici, che presto fornirà informazioni anche sul funzionamento del PFM®, e la modalità di collegamento in remoto FarMatics, disponibile su richiesta.
 
Nuova cabina con modalità FarMatics dei carri Faresin Leader PF
Nuova cabina con modalità FarMatics dei carri Faresin Leader PF

 

Nuove motorizzazioni sui telescopici FR 

Per rispettare gli ultimi regolamenti europei e americani in materia di emissioni di ossidi d'azoto NOx e particolato PM, i sollevatori telescopici FR01, FR02 e FR04 di Faresin montano motori Deutz Stage IV da 3.6 litri, capaci di erogare 74 cavalli a 2.300 giri al minuto e garantire consumi ridotti, costi di manutenzione limitati e bassi livelli di rumorosità.

I nuovi propulsori si avvalgono di cilindrate contenute per migliorare il rapporto consumi di carburante/prestazioni e di un sistema di raffreddamento con masse radianti aumentate - poste in posizione anteriore e protette da griglie di filtraggio dell'aria - per garantire una pulizia più semplice.
 
Sollevatori telescopici Faresin a Fieragricola 2018
Sollevatori telescopici Faresin a Fieragricola 2018

Le ultime macchine realizzate risultano prefettamente in linea con la missione "Innovazione al servizio dei clienti" della casa vicentina, che attualmente esporta il 90 per cento della propria produzione e vanta filiali in Francia, Germania e Polonia, nonché un'estesa rete di distributori e rivenditori.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 196.531 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner