In anteprima a Fieragricola la vangatrice Celli G190

Frutto di un profondo restyling, si presenta ora più versatile e più affidabile, oltre a richiedere una minore manutenzione

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

vangatrice-celli-g190fieragrciola-2016.jpg

Nuova vangatrice G190 di Celli
Fonte foto: Celli

Novità per Celli a Fieragricola, la vangatrice G190 è ora più robusta, flessibile e versatile grazie al suo sostanziale restyling.

Non si tratta certo di un intervento di facciata ma di un intervento importante che ha reso questa macchina ancor più robusta, flessibile e versatile.
Il suo manovellismo, che già si distingueva per la robustezza dei componenti, così come tutto il telaio, è ora facilmente smontabile per una agevole manutenzione ordinaria.
 
Vangatrice G190 Celli a Fieragrciola 2016

G190, nuova versione, molti vantaggi
La G190 è totalmente lubrificata ad olio; una soluzione più costosa rispetto a una lubrificazione a grasso, ma dagli innumerevoli vantaggi per il contoterzista o comunque per l'operatore che ne fa uso intensivo.
Innanzi tutto, si ottiene un risparmio in termini di tempo, dovendo effettuare il controllo dei livelli dell’olio con intervalli di 50-60 ore, anzichè procedere all’ingrassaggio delle parti in movimento quasi giornalmente.
Il sistema di lubrificazione a olio è, inoltre, più efficace e garantisce una maggiore durata nel tempo dei cuscinetti del manovellismo della macchina: vero punto critico di ogni vangatrice.
 

 
Nuove anche le tenute a rasamento, sostituite con una tipologia trapezoidale in gomma e acciaio, per migliorare la lubrificazione dei cuscinetti del manovellismo. 

Vangatrice, irrinunciabile compagna di lavoro
Ai vantaggi offerti dalla nuova versione proposta a Fieragricola da Celli vanno a sommarsi quelli che tipicamente caratterizzano queste macchine, capaci di dare il meglio sui terreni più difficili.

Proprio per la loro azione, infatti, eseguono una lavorazione profonda del terreno anche in condizioni proibitive per altri attrezzi, senza creare, ma anzi eliminando, la suola di aratura.
Ne consegue una migliorata circolazione profonda dell’acqua e una migliore aerazione del terreno. L’erosione, poi, viene mantenuta a valori molto bassi e la dimensione delle zolle a un livello medio. Tutte ragioni per cui queste macchine sono considerate tra le migliori alleate dell'agricoltura biologica.

Ma i pregi delle vangatrici non finiscono qui. Queste macchine permettono un allungamento del periodo utile per l'esecuzione delle lavorazioni permettendo di intervenire anche con terreno umido non ancora in tempera, pur mantenendo una buona struttura.
Esercitano, infine, un buon controllo delle infestanti, in confronto agli attrezzi "non rivoltatori".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.197 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner