Antonio Carraro e Comer Industries, doppio anniversario all'Eima

EIMA International 2010 - Le due aziende hanno festeggiato l'anniversario della loro fondazione

Questo articolo è stato pubblicato oltre 8 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

stand-carraro-eima-100-anni.jpg

Lo stand di Antonio Carraro a Eima International 2010

Quale migliore palcoscenico della kermesse bolognese per celebrare un anniversario? Due importanti imprese produttrici di macchine per l'agricoltura, Antonio Carraro e Comer Indutries, hanno scelto Eima International per 'festeggiare' l'anniversario della loro fondazione.

Antonio Carraro è uno dei marchi storici del sistema industriale italiano nel quale è presente fin dal 1910, specializzandosi nella produzione di trattrici e motoagricole. Il segreto di questo successo? Marcello Carraro, amministratore delegato dell'azienda non ha dubbi: una strategia imprenditoriale fortemente orientata alla specializzazione produttiva e all'innovazione tecnologica. "E' questa la chiave – spiega Marcello Carraroche ci ha permesso di superare momenti difficili come l'attuale". In controtendenza con l'andamento del settore, infatti, la Antonio Carraro è riuscita non soltanto a chiudere il 2009 con una sostanziale tenuta (-3%) ma, soprattutto, a tornare in territorio positivo nel 2010.

E le cose dovrebbero mettersi ancora meglio nel 2011, a fronte di stime aziendali che prevedono una crescita del 5%. "Merito anche del nostro modo di fare distribuzione, con un rete di concessionari nel mondo molto fidelizzati – aggiunge l'amministratore delegato della ditta di Campodarsego – Servire bene il cliente, curare l'assistenza è un lavoro lungo, ma oggi ne raccogliamo i frutti. Una rete forte aiuta nella crisi".

Fondata il 24 marzo 1970, la Comer Industries di Reggiolo (Reggio Emilia) è più 'giovane' della Antonio Carraro ma non meno specializzata e innovativa.

"L'impresa – spiega una nota della Comer – nasce originariamente come ditta artigianale per la produzione di trasmissioni per macchine agricole. Con il passare del tempo, però, il core business si è spostato dal settore della 'meccanica pura' a quello della componentistica, dove l'azienda si colloca tra i principali player di mercato, e a quello della meccatronica dove meccanica, elettronica ed informatica si integrano per lo sviluppo di sistemi ingegneristici altamente sofisticati al servizio dell'agricoltura".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 196.359 persone iscritte!