Emilia Romagna, focus su qualità delle uve e promozione agroalimentare

Fondi per la riduzione delle uve nelle produzioni Dop e Igp al fine di migliorare la qualità delle uve. In fase di partenza eventi di promozione dei prodotti emiliano-romagnoli in Canada e Germania

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

vite-vigneto-sangiovese-uva-vitivinicoltura-by-gentelmenit-fotolia-750.jpeg

Risorse per rimuovere fino al 15% delle uve non maturate nelle produzioni Doc e Igt (Foto di archivio)
Fonte foto: © gentelmenit - Fotolia

Fondi per migliorare la qualità dei vini Doc e Igt e progetti di internazionalizzazione delle eccellenze agroalimentare. Fase sprint in Emilia Romagna per sviluppare rinnovato interesse sul food&wine regionale.

Uva, via libera al bando Mipaaf per la riduzione della produzione per Doc e Igt
La ricerca di standard qualitativi sempre più elevati nel vino è alla base della misura, finanziata con 100 milioni di fondi nazionali, per la riduzione delle uve destinata a vini Dop e Igp, mediante la rimozione parziale dei grappoli non ancora giunti a maturazione e quindi alla mancata raccolta di una parte di essi. La pratica agronomica, strettamente connessa al miglioramento qualitativo, fa si che l'impegno alla riduzione non possa essere inferiore al 15% della media aziendale regionale delle ultime cinque campagne. L'aiuto varia da 500 euro a ettaro per i vini Igt fino a 800 euro a ettaro per i vini Doc e ai 1100 per le uve destinate ai vini Docg. La domanda di aiuto può essere presentata ad Agea entro il 31 luglio 2020. Entro il 15 novembre 2020 i beneficiari dovranno presentare la dichiarazione di vendemmia 2020/2021, dove dovrà risultare che dai vigneti hanno avuto un calo della resa pari ad almeno il 15%. Entro il 31 dicembre le erogazioni.

Agroalimentare, progetti di internazionalizzazione
La filiera agroalimentare emiliano-romagnola, nonostante le note difficoltà di quest'anno a livello internazionale, guarda sempre più con interesse ai progetti di valorizzazione destinati all'export, con le proprie eccellenze costituite dal Parmigiano Reggiano e dai prosciutti di Parma, passando per l'aceto balsamico, i salumi e i vini.
"E' necessario intervenire con progetti a favore delle imprese e del sistema agroalimentare – spiega l'assessore all'agricoltura Alessio Mammiil piano di internazionalizzazione #madeinER con la collaborazione di chef di fama puntano a rafforzare l'identità e la reputazione del brand Emilia-Romagna in modo da accrescere la consapevolezza sull'unicità dei prodotti regionali, anche attraverso portali web e app dedicate".

Sarà organizzata, dal 16 al 23 settembre prossima, una settimana enogastronomica in Germania, oltre alla settimana della cucina italiana nel mondo, lo show-cooking e due eventi di promozione dei prodotti e dei vini. In Canada, da settembre fino a novembre, sarà sviluppato un progetto in partnership con la Camera di Commercio italiana per il Canada, a rafforzamento delle azioni realizzate nell'ultimo triennio. In aggiunta, per il settore vitivinicolo, ci saranno 6 milioni di euro di fondi dalle azioni di sostegno alle aziende vitivinicole nell'ambito dell'Ocm vino.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.316 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner