Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

Anche le foreste hanno bisogno di una normativa

L'Italia importa 8 miliardi di euro di legname dall'estero - con una riorganizzazione del comparto si potrebbero creare 280mila posti di lavoro

Duccio Caccioni di Duccio Caccioni

bosco-foresta-alberi-by-avtg-fotolia-750.jpeg

In Italia i boschi coprono il 36% della superficie del paese
Fonte foto: © AVTG - Fotolia

Lo abbiamo segnalato già qualche tempo fa: nonostante la grande superficie boschiva (11 milioni di ettari, il 36% della superficie del paese)  - peraltro in forte e netta crescita (+28mila ettari all'anno) l'Italia dipende in maniera nettissima dall'estero (l'80% del fabbisogno) – non stiamo parlando solo di legname pregiato ma anche di comunissimi prodotti quali legna e pellet da ardere (solo i pellet: 1,6 milioni di tonnellate importate).

Il nostro paese importa quindi ogni anno ben 8 miliardi di euro di legname e affini di cui cinque da paesi Ue e tre da quelli extra europei (Istat).
Per Federlegno sono ben 280mila i posti di lavoro che potrebbero venire creati da una corretta gestione del patrimonio boschivo nazionale. Si può allora salutare con gioia la creazione al ministero delle Politiche agricole e forestali di una Direzione foreste che avrà come scopo "La pianificazione e valorizzazione del patrimonio forestale". 

Ci si dia allora una mossa anche per il decreto legislativo che contiene la riorganizzazione delle normativa forestale. Ci si sbrighi per l'occupazione, per le aziende agricole montane, per frenare il dissesto idrogeologico impellente che costa al paese altri miliardi di euro.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: foreste e boschi decreto

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 18 gennaio a 135.236 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy