Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

Il mercato delle intolleranze

Sempre più persone avvertono sintomi di intolleranza alimentare: a queste bisogna fornire prodotti di qualità italiani. Una cooperazione fra agricoltura e industria è indispensabile

Duccio Caccioni di Duccio Caccioni

pane-intolleranze-alimentari-glutine-celiachia-by-glisic-albina-fotolia-750.jpeg

Milioni di persone si sono scoperte intolleranti al glutine o al lattosio e hanno smesso di consumarli, dirigendo i loro consumi verso altri tipi di alimenti
Fonte foto: © glisic_albina - Fotolia

Un curioso fenomeno sta avvenendo, coinvolgendo un gran numero di persone e modificando sostanzialmente il mercato alimentare.
Parliamo delle intolleranze alimentari, un fenomeno contraddittorio secondo alcuni ricercatori, preclaro per altri. Milioni di persone si sono scoperte intolleranti al grano (al glutine) o al latte (al lattosio) e semplicemente hanno smesso di consumarli, dirigendo i loro consumi verso altri tipi di alimenti. 

Non stiamo a opinare se si tratti o meno di vere intolleranze o di malesseri più propriamente legati alla sfera psicosomatica: non siamo specialisti.

Sta di fatto che molte persone avvertono situazioni di malessere nutrendosi di determinati alimenti. E la cosa appare veramente curiosa. Dopotutto l'uomo si è evoluto con il grano, che lo ha accompagnato nella sua evoluzione dal neolitico in poi.
E fino a pochi anni fa era raro sentire di qualcuno che non potesse consumare latte (anche se le popolazioni non nordiche portano geneticamente una percentuale - talora anche rilevante - di manifestazioni di intolleranza).

Che sia successo qualcosa alla qualità dei prodotti?
Molti lo sostengono - a noi, in questa sede, non interessa parlarne.

Di certo sappiamo che se qualcuno non intollerante vuole un frumento nazionale e/o antico ci pare giusto fornirglielo (al prezzo giusto) - lo stesso si dica per un latte di qualità. E a chi è o si sente intollerante sarà giusto fornire latte di riso, di soia o quant'altro sia utile per la sua dieta.

Noi crediamo che il mercato italiano (e non solo) oggi chieda qualità. E che questa qualità possa venire fornita dagli agricoltori italiani. E' una grande opportunità e sta alla industria e all'agricoltura nazionali - assieme -  saperla sfruttare, per uscire dall'omologante e logorante mercato delle commodities.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: latte mercati grano alimentazione frumento

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 17 maggio a 139.528 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy