Vino, nel 2015 l'export tocca i 5,4 miliardi di euro

Confermati i dati dell'Osservatorio del vino di Veronafiere. Stati Uniti e Regno Unito i mercati principali di destinazione, mentre cala la Germania. Positivi gli andamenti in Giappone e Cina

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

vino-rosso-bicchiere-bottiglia-by-igor-klimov-fotolia-750x536.jpeg

Record storico per l'export di vino italiano nel 2015
Fonte foto: © Igor Klimov - Fotolia

Un anno da record per l’export di vino made in Italy, che vale 5,4 miliardi di euro, in crescita del 5,4% sul 2014. Il dato conferma a pieno le previsioni rilasciate dall’Osservatorio del Vino, con dati elaborati su base Istat da Ismea. I vini spumanti sono i veri protagonisti di questo successo, grazie a un incremento di fatturato del 17%, toccando così 985 milioni di euro, per un volume di ettolitri scambiati a 2,8 milioni. A questa voce il dato più rilevante è il risultato del Prosecco, che ha registrato un aumento del 30% per i volumi e del 32% a valore.

L’Osservatorio del vino è uno strumento strategico su cui poter contare per avere un quadro attendibile del panorama vitivinicolo e pianificare le necessarie azioni da mettere in campo, sia dal punto di vista aziendale che da quello istituzionale – commenta Domenico Zonin, presidente dell’Osservatorio del Vino – il dato complessivo che più colpisce è il sempre maggior apprezzamento del nostro vino di qualità da parte del mercato internazionale, che evidenzia come la cultura del vino stia crescendo e, soprattutto, come il lavoro delle nostre aziende in termini di innovazione e ricerca sia ben percepito e stia finalmente portando i frutti sperati”.

Questi numeri mostrano un settore vitivinicolo in continua crescita sui mercati esteri, forte di qualità e tipicità territoriali di Dop e Igp – spiega Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere – ora l’obiettivo indicato dal premier Renzi è traguardare 7,5 miliardi di euro di export entro il 2020. Bene, quindi, i 300 milioni di euro messi in campo dal Governo con il decreto Ocm per la promozione del nostro vino all’estero, ma, alle aziende servono anche strumenti efficaci e autorevoli come Vinitaly e il nuovo Osservatorio del vino per sviluppare a livello internazionale il proprio business”.

Fra i mercati di sbocco più interessanti per il nostro vino c’è naturalmente quello Usa, che conferma la fiducia nel prodotto made in Italy, con una crescita in valore del 14% per un corrispettivo che sfiora 1,3 miliardi di euro, e oltre il 7% anche in volume (3,2 milioni di ettolitri).  Ottimo trend anche per il Regno Unito, con un export da 750 milioni di euro (+13,3%), mentre in calo risultano le richieste dalla Germania, con un -6,7% in volume e un -1,5% in valore. Notizie positive dall’estremo oriente, dove in Giappone e Cina il vino italiano cresce rispettivamente del 3,4% e del 18%. Per quanto riguarda gli spumanti, la domanda è trainata dal Regno Unito con performance davvero positive sia in volume (+46%) che in valore (+51%). Seguono con incrementi a due cifre Stati Uniti, Svezia e Norvegia. L’import è in crescita dell’1% a 2,8 milioni di ettolitri, per un corrispettivo di poco superiore a 320 milioni di euro (+7,4%), per lo maggior parte vino sfuso dalla Spagna.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: VeronaFiere

Autore:

Tag: vino import/export mercati made in italy vitivinicoltura

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 187.533 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner