Seminario di Agrinsieme sul Psr Puglia 2014-2020

Si tiene domani a Lecce, ore 14.30, conclusioni affidate a Scanavino e Di Gioia

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

soldi-denaro-banconote-by-nikitos77-fotolia-750.jpeg

Il Psr Puglia 2014-2020 mette sul piatto un miliardo e 638 milioni di euro, da spendere definendo ruolo, organizzazione e obiettivi dell'agroalimentare regionale
Fonte foto: © nikitos77 - Fotolia

Domani pomeriggio, dalle 14.15 all’Hotel Hilton Inn di Lecce, si tiene il seminario “Psr 2014-2020. Ruolo, organizzazione e obiettivi dell’agroalimentare Pugliese”, rivolto agli imprenditori ed ai tecnici operanti nel settore agricolo, organizzato da Agrinsieme Puglia con l'Accademia dei Georgofili Sezione Sud-Est, con Laica Salento e con la Banca popolare pugliese, in collaborazione con gli Ordini professionali degli agronomi, dei commercialisti e con i Collegi dei periti agrari e degli agrotecnici della provincia di Lecce.

Le conclusioni saranno tratte da Dino Scanavino, coordinatore nazionale di Agrinsieme e da Leonardo di Gioia, assessore all’Agricoltura della Regione Puglia.
 
Il Programma di sviluppo rurale 2014-2020 della Regione Puglia, formalmente adottato dalla Commissione europea il 24 novembre 2015, delinea le priorità per l’utilizzo di un miliardo e 638 milioni di euro di finanziamento pubblico, dei quali 991 milioni di euro a valere sul bilancio Ue e 647 milioni di euro di cofinanziamento nazionale (Stato e Regione) ed è in grado di generare investimenti per oltre 2,1 miliardi di euro.

“Per garantire, comunque, il rilancio del settore agricolo, assicurando un equo reddito ai nostri produttori, occorre necessariamente denire il ruolo, l’organizzazione e gli obiettivi dell’agroalimentare pugliese – sottolinea una nota di Agrinsieme.

Numerose le sfide con le quali dovrà cimentarsi l'agroalimentare pugliese dei prossimi anni: produttività, sostenibilità economica, ambientale e sociale, innovazione, reti e territori, ricambio generazionale, nuovi modelli di organizzazione economica dei produttori sia nella fase primaria che in quella di trasformazione dei prodotti agricoli, internazionalizzazione, utilizzo delle bioenergie rinnovabili, diversificazione in attività non agricole e accesso al credito.
 
Il programma di domani pomeriggio, a partire dalle 15, prevede un’introduzione dei lavori, affidata a Giuseppe Mauro Ferro, accademico dei Georgofili e consigliere della Banca popolare pugliese. Seguono le relazioni di Paolo Ammassari, dirigente Ufficio Programmazione e sviluppo rurale del Mipaaf, che parlerà de “Il Programma di sviluppo rurale nazionale 2014-2020” e di Gianluca Nardone, direttore del dipartimento Agricoltura, sviluppo rurale e tutela dell’ambiente della Regione Puglia che relazionerà su “Principali aspetti strategici del Programma di sviluppo rurale della Regione Puglia 2014-2020”.
 
A seguire tavola rotonda sul Psr Puglia 20014 – 2020, alla quale partecipano: Raffaele Borriello, direttore generale Ismea, Mauro Buscicchio, direttore generale Banca Popolare Pugliese, Roberto Fatano, presidente Laica Salento, Quirino Quaglieri, direttore amministrativo Belectric Italia, Enzo Russo del Centro Studi Laica Salento e Arturo Semerari, presidente del Gruppo Terrae Spa.
Conclusioni affidate a  Dino Scanavino, coordinatore nazionale Agrinsieme e a Leonardo Di Gioia, assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia.

Per maggiori informazioni e il programma in formato clicca QUI

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: agroalimentare convegni credito ambiente sviluppo rurale finanziamenti per l'agricoltura

Temi caldi: Psr 2014-2020

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.932 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner