Cra, Mauro Serafini tra i ricercatori più citati al mondo

Lo certifica la classifica dell'Istituto Thomson Reuters. Il Consiglio per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura unico ente di ricerca presente nella sezione scienze agrarie

Questo articolo è stato pubblicato oltre 6 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

serafini-mauro-ricercatore-cra.jpg

Mauro Serafini, ricercatore Cra

Mauro Serafini, ricercatore Cra, potrà fregiarsi con il prestigioso bollino di garanzia con cui l’Istituto Thomson Reuters certifica i ricercatori più citati al mondo, secondo la classifica internazionale delle 'beautiful minds'.

I 3.200 nomi che la compongono sono ''fra le migliori e più brillanti menti scientifiche del nostro tempo'', sono stati i più citati nel periodo compreso fra il 2002 e il 2012 e ''stanno influenzando la futura direzione dei loro settori di ricerca''. Tra questi, gli italiani sono 55, di cui solo 5 per le Scienze agrarie. Una grande soddisfazione per il Cra dal momento che è l’unico ente pubblico di ricerca ad essere presente in questa sezione, in quanto gli altri quattro ricercatori appartengono all’Università .

Un riconoscimento importante  - commenta il presidente Cra Giuseppe Alonzo – di cui vado particolarmente fiero sia come uomo di scienza sia come presidente dell’ente che fa ricerca per eccellenza nelle scienze agrarie. Un risultato che deve far riflettere sulla necessità e l’importanza di sostenere la ricerca made in Italy”.

Mauro Serafini, laureato in biologia con un dottorato in fisiopatologia sperimentale, lavora al Centro ricerca di alimenti e Nutrizione del Cra (Cra-Nut), dove studia le interazioni tra alimenti e salute ed è responsabile del laboratorio “Alimenti funzionali e prevenzione stress metabolico”, teso a svelare i meccanismi di difesa dell’organismo nei confronti di stress esogeni (ossidativi/infiammatori), ad identificare ingredienti e alimenti funzionali di origine vegetale da utilizzare come sorgente naturale di molecole bio-attive per strategie nutrizionali di prevenzione dello stress metabolico.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 242.293 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner