Legge di stabilità, Coldiretti: "Bene la banda larga"

Nelle campagne solo il 17% è connesso. L'organizzazione sottolinea l'importanza di colmare il divario tra aree rurali e aree urbane

Questo articolo è stato pubblicato oltre 7 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

computer-internet-mani-tasti-byflickrcc20_chris-metcalf-laffy4k.jpg

Solo 61mila aziende agricole (il 3,8 per cento del totale) sono in rete
Fonte foto: © Chris Metcalf Laffy - Flickr

Lo sviluppo della banda larga è priorità per le imprese agricole nelle aree rurali, dove soltanto il 17 per cento degli abitanti può contare su una connessione costante e di qualità.

E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare la bozza sulla legge di stabilità nella quale si legge che “Per il completamento del Piano nazionale banda larga, definito dal ministero dello Sviluppo economico - Dipartimento per le comunicazioni e autorizzato dalla Commissione europea (aiuto di Stato n.SA.33807 (2011/N)-Italia) è autorizzata la spesa di 20,75 milioni di euro per l’anno 2014”.

"Occorre colmare il divario tra aree rurali e aree urbane e quello tra nord e sud del Paese - sottolinea la Coldiretti - anche nell’accesso alle nuove tecnologie. I limiti infrastrutturali rappresentano infatti un ostacolo all’informatizzazione del settore dove si contano appena 61mila aziende agricole in rete (il 3,8 per cento del totale)".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 260.425 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner