Caro-carburanti, la corsa non finisce mai

Ennesimo rincaro dei prezzi. La Cia: 'I consumi rischiano un nuovo calo dell'1,5%, mentre per le imprese agricole si profila un costo aggiuntivo di 5 mila euro'

Questo articolo è stato pubblicato oltre 8 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

gasolio-benzina-carburante.jpg

Continua ad aumentare il prezzo dei carburanti

Non si ferma la corsa infinita dei prezzi dei carburanti, che mettono a segno il quarto rialzo nel giro di una settimana con effetti a valanga sulle famiglie e sugli agricoltori. Lo afferma la Cia - Confederazione italiana agricoltori.

Non è soltanto il pieno a costare di più agli automobilisti; i rincari di benzina e gasolio si fanno sentire anche sulle tavole degli italiani. La Cia ricorda che i prodotti agroalimentari, infatti, rischiano pesanti aumenti, visto che il costo del trasporto incide sul prezzo finale per il 35-40 per cento. "E considerato che i consumi delle famiglie sono già ridotti al lumicino - dice la Cia - questa continua raffica di aumenti può spingerli giù di un ulteriore 1,5 per cento".

Anche per gli imprenditori agricoli la situazione è critica. Il prezzo del gasolio agricolo è passato da 0,49 euro al litro di gennaio 2010 agli attuali 1,13 euro al litro, con un incremento record del 130 per cento. "Il che significa un costo aggiuntivo di circa 5 mila euro per ogni azienda del settore - nota la Cia - Un onere gravoso dunque, in particolare per le serre, che soprattutto durante l'inverno fanno un uso considerevole di carburante per il riscaldamento delle colture orticole e floricole".

Ecco perché ora è necessario un intervento mirato per ridurre il peso dei carburanti sui costi produttivi complessivi delle imprese agricole. Tanto più in un momento come questo, in cui le misure della manovra colpiscono pesantemente gli agricoltori con una sorta di 'patrimoniale in campo'. "E' quindi indispensabile - conclude la Cia - l'introduzione di un bonus per evitare un vero e proprio collasso del settore, sul modello dell'accisa zero per le serre in vigore fino a novembre 2009".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 238.897 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner