Ortomac, nuove sfide per le sementi orticole

Venerdì 14 maggio 2010 a Cesena Fiera si svolgerà l'annuale rassegna sul comparto che rappresenta il primo gradino della filiera orticola

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, leggi le ultime novità di Assosementi - Associazione Italiana Sementi.

ortomac logo1.jpg

Ortomac, Cesena 14 maggio 2010

Ortomac è l’appuntamento realizzato da Cesena Fiera, dedicato all’orticoltura sotto forma di un incontro annuale su una tematica inerente il comparto. L’edizione 2010, che si terrà il 14 maggio nella Sala Europa del Centro congressi del quartiere fieristico di Cesena Fiera, è orientato alle nuove sfide sulla strada della qualità per le sementi orticole.

Le sementi sono il primo stadio di quella filiera che porta ortaggi quali anguria e cavolo, pomodoro e insalata, fragola e zucchino, e altri ancora dal campo alla tavola.

Il comparto sementiero, in Italia, vale alcune centinaia di milioni di euro, ma il vero grande valore deriva dal fatto che il seme deve essere di qualità ed è per questo che viene prodotto dalla aziende  italiane ed esportato direttamente, oppure dalle ditte committenti, in tutto il mondo.

Purtroppo, il commercio delle sementi è in certi casi oggetto di riproduzione illegale, in quanto non vengono rispettati quelli che sono i diritti del costitutore.

Assosementi e Orto Wic valutano in 18-20 milioni di euro il giro di affari  delle riproduzioni illegali. E il danno non è limitato ai mancati introiti delle aziende sementiere, perchè in Sicilia, due anni fa, la pratica della talea illegale contribuì a diffondere una malattia del pomodoro.

Per comprendere ancor più a fondo la rilevanza del seme, basta ricordare che nel 2009 le famiglie italiane hanno acquistato 4,3 milioni di tonnellate di ortaggi freschi (cioè il prodotto finale partito dal seme) spendendo 7,1 miliardi di euro. C’è un incremento del +1,2% sul totale 2008, determinato, però, dall’aumento (+3,6%) del numero delle famiglie che hanno effettuato acquisti, maggiore del calo dei quantitativi (-2,3%)  e del valore (-1,3%) per nucleo familiare.

Ortomac 2010 si propone come il fulcro dove si mettono in relazione problematiche che coinvolgono costitutori, moltiplicatori e ortovivaisti, nella tensione di ricercare le soluzioni più opportune nell’interesse reciproco, tenendo conto dell’alta professionalità raggiunta dai produttori italiani nella moltiplicazione delle sementi e nell’orticoltura specializzata.

Gli aspetti che verranno trattati nella Tavola rotonda all’interno di Ortomac, dal titolo  'Le garanzie qualitative delle produzioni sementiere orticole', riguardano la qualità del prodotto seme, sia per gli aspetti genetici inerenti la moltiplicazione delle piante allogame, sia per quelli sanitari in relazione all’utilizzo i fitofarmaci per la difesa in campo e per la concia del seme stesso.