Appuntamento a Zeri con i cani da pastore

Due giornate, il 6 e il 7 luglio, che il comune della Lunigiana dedica ai cani da lavoro

Questo articolo è stato pubblicato oltre 6 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

bicentenariozeri.jpg

Il logo del comune di Zeri per il festeggiamento del bicentenario

Si festeggia il bicentenario a Zeri, piccolo comune della Lunigiana in provincia di Massa Carrara, che sabato 6 e domenica 7 luglio si trasformerà nella capitale della cinofilia italiana, quella neo-classica che sempre più riconosce nel cane l’insostituibile ausiliario nel lavoro dell’uomo da almeno 15.000 anni.
I festeggiamenti del bicentenario vedono un susseguirsi di eventi a calendario per tutta l’estate, nei quali apprezzare le tante ricchezze offerte dalla “biodiversità” del territorio di Zeri, che è non soltanto patria della Pecora Zerasca e del Cavallo Bardigiano, ma può anche vantare una fauna selvatica che spazia dall’aquila reale, al gheppio a tutte le specie di rapaci notturni e diurni; ma anche volpi, cinghiali, tassi e caprioli, oltre a una colonia di lupi presente ormai da molti anni.
In tale contesto ambientale si sono sviluppate e selezionate nei secoli alcune delle più antiche ed efficienti razze di cani da lavoro, che ancora oggi risultano qualitativamente distintive per l’impiego nel contesto oro-geografico e zoo-faunistico dell’Appennino Tosco-Emiliano; stiamo parlando del Cane da Pastore Apuano e del Segugio dell’Appennino.

I protagonisti
Per rendere omaggio al suo patrimonio cinofilo, il Comune di Zeri ha organizzato una manifestazione, in collaborazione con l’Associazione culturale antichi mestieri pastorali, con l’Associazione Cane da Pastore Apuano e con l’Associazione nazionale libera caccia.
Il Pastore Apuano (al suo primo raduno ufficiale) farà gli onori di casa alle altre razze di cani da pastore della tradizione italiana, dal celebre Maremmano-Abruzzese al Pastore della Sila attualmente in corso di riconoscimento ufficiale da parte dell’E.N.C.I.
Sul fronte venatorio saranno invece il Bracco Italiano (cui sarà dedicata una speciale classifica) ed il Segugio dell’Appennino a cimentarsi con l’agguerrita concorrenza delle razze da ferma, da cerca e da seguita internazionali.

Gli eventi
Il programma dell’evento si articolerà nelle due giornate:
sabato 6 luglio dalle ore 6:00 prove di caccia sui campi assegnati; dalle ore 9:00 seminario sulla storia dei cani da pastore, dimostrazioni pratiche di conduzione del bestiame presso il Centro Fiera in località Adelano;
domenica 7 luglio dalle ore 9:00 presentazione delle razze regionali di cani da lavoro e dimostrazioni pratiche di addestramento di cani da pastore; valutazioni di morfologia funzionale delle razze di cani da pastore e da caccia, presso il Centro Fiera in località Adelano.
Per maggiori informazioni sulla manifestazione e sulla ricettività turistica:
Telefono 392-0023538 - valentinamerletti@virgilio.it

Fonte: Agronotizie

Tag: fiere genetica animale ovini

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 222.256 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner