Kiwi, Geoplant presenta Bo-Erica

Una mutazione naturale di Hayward che ne migliora le caratteristiche e le prestazioni: elevata pezzatura, ottimo sapore ed elevata efficienza produttiva

Lorenzo Cricca di Lorenzo Cricca

Contenuto promosso da Azienda Agricola Bovo Angelo Di Giuseppe e F.lli, Geoplant Vivai Srl Società Agricola, Image Line :: Plantgest.com
Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

actinidiaboericageoplant.jpg

Bo-Erica, mutazione di Hayward
Fonte foto: Geoplant Vivai

Dopo un periodo di difficoltà, l'actinidia sta vivendo un rinnovato interesse. Per soddisfare le nuove richieste del mercato e del consumatore la Geoplant vivai Srl di Savarna (RA) ha inserito nel proprio catalogo la varietà Bo.Erica®*.

La Bo-Erica®* è mutazione naturale di Hayward individuata a Verona e con domanda di brevetto europeo depositata dall'azienda Agricola Bovo Angelo. L'epoca di fioritura e quella di raccolta sono contemporanee ad Hayward. Si caratterizza per piante di vigoria e produttività simile ad Hayward. I frutti sono di elevata pezzatura (maggiore rispetto Hayward), di forma cilindrica ed allungata (maggiore rispetto ad Hayward) e con rapporto lunghezza/diametro di 1,44 (per Hayward è 1,26). Il colore della buccia alla raccolta è verde-bruno con tomento corto e setoloso che alla raccolta si presenta color camoscio. Presenta umbone prominente. La polpa presenta colorazione verde intermedia ed elevata consistenza. La columella rappresenta i 3/8 dell'intero diametro del frutto.
 

Alcuni parametri di Bo-Erica e Hayward messi a confronto tra loro
 

"La varietà è molto interessante per le sue caratteristiche di elevata produttività e frutti di grosse dimensioni - spiega Gian Luca Pasi di Geoplant Vivai - La pezzatura media dei kiwi è infatti maggiore rispetto ad Hayward. Se consideriamo che il periodo di raccolta è lo stesso e la qualità rimane inalterata questa mutazione è sicuramente migliorativa. Inoltre la loro forma più allungata permette ai frutti di posizionarsi meglio sulla pianta rendendo più agevole il loro sviluppo e la loro raccolta. Interessante è anche la minore attitudine di Bo-Erica®* alla produzione di frutti laterali sull'infiorescenza che portano alla formazione di 'tripli' o di frutti deformati che aumentano lo scarto. Quest'ultimo aspetto aumenta l'efficienza produttiva dell'impianto e conseguentemente la quantità di prodotto adeguatamente commerciabile".

Per ulteriori informazioni contattare Geoplant Vivai all'inidirizzo e-mail info@geoplantvivai.com.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: frutticoltura innovazione varietale

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 232.546 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner