Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Kiwi, Geoplant presenta Bo-Erica

Una mutazione naturale di Hayward che ne migliora le caratteristiche e le prestazioni: elevata pezzatura, ottimo sapore ed elevata efficienza produttiva

Lorenzo Cricca di Lorenzo Cricca

Info aziende
actinidiaboericageoplant.jpg

Bo-Erica, mutazione di Hayward
Fonte foto: Geoplant Vivai

Dopo un periodo di difficoltà, l'actinidia sta vivendo un rinnovato interesse. Per soddisfare le nuove richieste del mercato e del consumatore la Geoplant vivai Srl di Savarna (RA) ha inserito nel proprio catalogo la varietà Bo.Erica®*.

La Bo-Erica®* è mutazione naturale di Hayward individuata a Verona e con domanda di brevetto europeo depositata dall'azienda Agricola Bovo Angelo. L'epoca di fioritura e quella di raccolta sono contemporanee ad Hayward. Si caratterizza per piante di vigoria e produttività simile ad Hayward. I frutti sono di elevata pezzatura (maggiore rispetto Hayward), di forma cilindrica ed allungata (maggiore rispetto ad Hayward) e con rapporto lunghezza/diametro di 1,44 (per Hayward è 1,26). Il colore della buccia alla raccolta è verde-bruno con tomento corto e setoloso che alla raccolta si presenta color camoscio. Presenta umbone prominente. La polpa presenta colorazione verde intermedia ed elevata consistenza. La columella rappresenta i 3/8 dell'intero diametro del frutto. 

Alcuni parametri di Bo-Erica e Hayward messi a confronto tra loro

"La varietà è molto interessante per le sue caratteristiche di elevata produttività e frutti di grosse dimensioni - spiega Gian Luca Pasi di Geoplant Vivai - La pezzatura media dei kiwi è infatti maggiore rispetto ad Hayward. Se consideriamo che il periodo di raccolta è lo stesso e la qualità rimane inalterata questa mutazione è sicuramente migliorativa. Inoltre la loro forma più allungata permette ai frutti di posizionarsi meglio sulla pianta rendendo più agevole il loro sviluppo e la loro raccolta. Interessante è anche la minore attitudine di Bo-Erica®* alla produzione di frutti laterali sull'infiorescenza che portano alla formazione di 'tripli' o di frutti deformati che aumentano lo scarto. Quest'ultimo aspetto aumenta l'efficienza produttiva dell'impianto e conseguentemente la quantità di prodotto adeguatamente commerciabile".

Per ulteriori informazioni contattare la Geoplant Vivai all'inidirizzo e-mail info@geoplantvivai.com oppura scaricare il Pdf con la scheda tecnica.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: actinidia frutticoltura innovazione varietale kiwi

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia
Irritec

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 14 dicembre a 134.508 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy